Scienze

La mappa più dettagliata di un pezzo di cervello umano

Gli scambi informativi tra decine di migliaia di neuroni nel cervello sono stati ricostruiti in un promettente progetto, che coinvolge anche Google.

Un progetto di ricerca che ha coinvolto anche gli scienziati di Google ha realizzato la mappa più dettagliata mai ottenuta di un piccolo pezzo di cervello umano: 50.000 cellule in tutto (su un numero totale stimato di 100 miliardi di neuroni) collegate da oltre 130 milioni di sinapsi, i punti di contatto tra cellule nervose attraverso i quali si propagano gli impulsi elettrici e chimici.

Sala operatoria. L'intricato atlante chiamato "H01" (che sta per "human sample 1") è nato da un frammento di tessuto cerebrale grande come un seme di sesamo estratto da una paziente di 45 anni con epilessia resistente ai farmaci, che ha subito l'asportazione di una porzione di ippocampo, l'area cerebrale da cui avevano origine gli attacchi convulsivi. Per arrivare alla struttura, l'equipe guidata da Jeff Lichtman, dell'Università di Harvard, ha dovuto rimuovere una piccola porzione di tessuto cerebrale sano sovrastante, che è stata usata come base per il progetto di mappatura.

Set fotografico. Il campione estratto è stato trattato con soluzioni conservanti, colorato con metalli pesanti per rendere evidenti le membrane di ogni cellula e infine rafforzato con un'apposita resina. Quindi, è stato tagliato in 5.300 fettine spesse 30 nanometri (un millesimo della larghezza di un capello umano) che sono state esaminate una alla volta al microscopio elettronico. Si sono così ottenute 225 milioni di immagini bidimensionali che sono poi state assemblate grazie all'intelligenza artificiale dai ricercatori di Connectomics at Google.

Dal reale al virtuale. Con tecniche di machine learning è stato possibile ricostruire, a partire dalle immagini in 2D, la struttura tridimensionale delle cellule, del loro rivestimento a base di mielina, dei vasi sanguigni e della fitta rete di dendriti e assoni, i "rami" che si sviluppano dal corpo cellulare e che, rispettivamente, ricevono i segnali in arrivo e conducono i messaggi in uscita. Un lavoro monumentale se si considera che in tutto è stato estratto un millimetro cubo di tessuto che occuperebbe un singolo pixel nell'esito di una risonanza magnetica, e che ad esso corrisponde una mole di dati di 1,4 petabyte, 700 volte la capacità di memoria di un computer moderno.

Focus n. 346 - 20 luglio 2021
Per approfondire: su Focus 346 (agosto 2021) i meravigliosi segreti del nostro cervello. © Focus

Le prime scoperte. Con 133,7 milioni di connessioni mappate il team ha già osservato alcune cose interessanti su come viaggiano le informazioni nel cervello.

Di solito, quando il prolungamento di un neurone passa vicino a un altro, si forma una singola sinapsi, più raramente due o fino a quattro. Ma nella piccola porzione di cervello osservata, i ricercatori hanno notato alcuni neuroni che si connettevano più volte: una coppia era collegata addirittura in 19 punti o sinapsi. Il sospetto è che questo potenziamento di comunicazione, una sorta di corsia preferenziale di invio del segnale, possa servire a trasmettere facilmente messaggi relativi a comportamenti che vanno svolti in automatico, come frenare a un semaforo rosso.

Un'altra scoperta curiosa è quella che forse riguarda una nuova struttura dalla funzione ancora ignota, che sembra formata da una coppia di neuroni rivolti in direzioni esattamente opposte sullo stesso asse.

Una goccia nel mare. L'ultima volta che il gruppo di Google si era lanciato in un atlante neurale o connettoma, aveva mappato metà del cervello di un moscerino della frutta, 25.000 neuroni in totale per più di 20 milioni di sinapsi. Il nuovo lavoro, disponibile online sull'interfaccia Neuroglancer per chiunque voglia studiare questi dati, rappresenta un deciso passo in avanti, ma siamo appena all'inizio: per mappare l'intero cervello di un topo, un progetto che con un simile livello di dettaglio richiederà 10 anni di lavoro, ci vorrebbe uno "spazio" 1000 volte superiore (saremmo nell'ordine degli exabyte e non dei petabyte).

Per sognare in grande e mappare l'intero cervello umano dovremmo avere invece una dataset altre 1000 volte più capiente (rispetto a quello del topo): saremmo nell'ordine degli zettabyte, come tutto il contenuto digitale generato in un anno sul pianeta Terra.

Servirà? Tutta questa fatica potrebbe favorire alcuni progressi scientifici, come comprendere se vi siano particolari anomalie nelle connessioni cerebrali nelle persone con specifici disturbi mentali. Ma in altri casi potrebbe rivelarsi uno sforzo fine a se stesso, soprattutto se non si comprende in che modo l'informazione è conservata: capire la meccanica degli impulsi non garantisce di afferrare la complessità delle funzioni cognitive.

21 luglio 2021 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

La (brutta) storia della follia raccontata attraverso i re e gli imperatori ritenuti pazzi, i rimedi adottati nei secoli per “curarla” e l'infinita serie di pregiudizi e superstizioni che hanno reso la vita dei malati un inferno peggiore del loro male. E ancora: quando le donne si sfidavano a duello; la feroce Guerra delle due Rose, nell'Inghilterra del '400.

ABBONATI A 29,90€

Senza l'acqua non ci sarebbe la Terra, l'uomo è l'animale che ne beve di più, gli oceani regolano la nostra sopravvivenza: un ricco dossier con le più recenti risposte della scienza. E ancora: come agisce un mental coach; chi sono gli acchiappa fulmini; come lavorano i cacciatori dell'antimateria; il fiuto dei cani al servizio dell'uomo.

ABBONATI A 29,90€
È vero che il mare non è sempre stato blu? La voglia di correre è contagiosa? Perché possiamo essere crudeli con gli altri? Si possono deviare i fulmini? Che cosa fare (e cosa non fare) per piacere di più? Queste e tantissime altre domande e risposte, sempre curiose e divertenti, sul nuovo numero di Focus D&R.
 
ABBONATI A 29,90€
Follow us