Scienze

Cervello artificiale sperimentato sui topi

Sostituirà le parti danneggiate o deteriorate dall'età.

Gli scienziati dell’Università di Tel Aviv, hanno sostituito parte della materia cerebrale di un topo con un impianto digitale che funziona come l’organo naturale.

“Uno dei compiti del cervelletto è coordinare i movimenti del corpo”

Mai prima d’ora - L’esperimento scientifico è stato esposto durante la conferenza Strategies for Engineered Negligible Senescence a Cambridge. Il dispositivo è in pratica un cervelletto artificiale messo a punto dai ricercatori dell’Università di Tel Aviv che hanno analizzato e riprodotto per la prima volta su un dispositivo elettronico i dati inviati verso e dal cervelletto del ratto. Il dispositivo israeliano, a differenza degli impianti già conosciuti dalla scienza medica, non è a “senso unico” ma è in grado di inviare i dati in entrambe le direzioni.

Topo reattivo - Nel caso del topo di Tel Aviv, l’impianto artificiale permette la comunicazione delle informazioni in due direzioni. Il cervelletto artificiale del topo, dopo aver ricevuto un input, rielabora l’informazioni e invia l’ordine alle giuste aree cerebrali. Nello specifico, l’input per l’organo artificiale era quelo di coordinare il movimento del ratto, attraverso un riflesso motorio.

Sostituzione in caso di danni - Il cerveletto artificiale funziona e, come afferma Matti Mintz - uno degli autori dello studio scientifico - “è possibile registrare i dati provenienti dal cervello, rielaborarli in modo simile a ciò che avviene nella rete biologica e rimandarli indietro al cervello” - con l’obiettivo di realizzare in futuro eventuali ricambi artificiali, in grado di coordinare operazioni più complesse e sostituendo aree cerebrali daneggiate, per esempio da un ictus, o deteriorate dall’età.

Niccolò Fantini

28 settembre 2011
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us