Scienze

Capre, azioni & C: i 10 segreti di Google

Ciò che rende Google un'azienda speciale.

«Google non è un'azienda “normale”, e non intendiamo diventarlo». Così inizia la lettera di presentazione di Google scritta dai due fondatori: Sergey Brin e Larry Page. E, in effetti, qualche stravaganza non manca in quel di Mountain View. Scopriamo quali.

“Nel giardino di Google si aggirano anche i dinosauri”

01 - Il primo “Doodle” non si scorda mai - Forse non conosci il nome, ma sicuramente sai cos'è un “doodle”. Un piccolo indizio? Oggi ci ricorda che è iniziata l'estate. Un “doodle” è il logo di Google graficamente modificato per festeggiare un evento o un avvenimento speciale, come quello di PacMan, ricordi? Ebbene, il primo doodle risale al 1998 quando Sergey e Larry passarono un weekend al festival Burning Man in Nevada. In pratica si tratta di un rituale che consiste nell'incendiare un grande fantoccio di legno il sabato sera che ha come obiettivo instillare nei presenti fiducia e espressione di se stessi. Pare abbia funzionato.

02 - Costante matematica in azione- Quando fu quotata in borsa nell'agosto 2004, un'azione di Google valeva 85 dollari, contro i 483 di oggi e il picco di 600 dell'anno scorso. Fin qui niente di strano. Ma nel prospetto di emissione Google specifico la cifra che avrebbe voluto raccogliere tramite il collocamento in borsa: $2,718281828 miliardi. A molti questa cifra non dice nulla, ma si tratta della costante matematica “e”, il logaritmo naturale . E i logaritmi sono alla base del funzionamento del motore di ricerca.

03 - Mitico lego - Lo sapevate che il primo server di Google stipato nella cameretta di Larry Page, era fatto con i mattoncini del Lego? Era il 1996, e lo spazio di archiviazione era di 40 GB, meno di un attuale iPod. Leggenda vuole che il motivo per cui i due fondatori di Google scelsero proprio il Lego è che era facilmente “espandibile”, potevano aggiungerci dischi fissi a piacimento.

04 - Primo tweet - Il primo cinguettio di Google su Twitter? Eccolo: “I'm 01100110 01100101 01100101 01101100 01101001 01101110 01100111 00100000 01101100 01110101 01100011 01101011 01111001 00001010.” Postata nel febbraio 2009 significa, in linguaggio umano, “I'm feeling lucky”, ossia “Mi sento fortunato”.

05 - Che capre! - Google ha sul libro paga anche delle capre. Sì, proprio 200 capre in pelo e zampe! Anche loro sono utili alla causa, infatti, tengono pulito il “ranch” intorno al quartier generale a Mountain View divorando erbaccia e sottobosco.

06 - I googlo, tu googli egli googla - In inglese il verbo che indica “fare ricerche in Internet” è Google. I dizionari Merriam-Webster eOxford English Dictionary l'hanno aggiunto nel 2006.

07 - Dog-Friendly - Google ama gli animali, o meglio, i cani.

I dipendenti, almeno quelli di un certo rilievo, possono portare il loro amico a quattro zampe in ufficio. A meno che non divori tappeti, lasci bisognini in giro e non sia troppo aggressivo perché in tal caso non è più il benvenuto a Mountain View.

08 - Primo Snack - Il primo snack ordinato da Google? “Swedish Fish” un pacchetto di caramelle colorate e gommose a forma di pesce. Era il febbraio del 1999. E pare che dolci e caramelle vadano per la maggiore negli uffici. Gira voce che nel 2007 si siano divorati 2.494 kh di cioccolatini.

09 - Logo “scentrato” - Il loro di Google nella home page non è stato posizionato al centro della pagina fino al 31 marzo del 2001. Prima era inclinato verso sinistra e ancora prima era seguito da un punto esclamativo come Yahoo!.

10 - Jurassic Park - Nel giardino di Google si aggirano anche i dinosauri. Non quelli veri, che si sono estinti anche in quel di Mountain View, ma una ricostruizione di un gigantesco, quanto temibile, T-Rex.

Guarda le foto pazze di Google Street View

21 giugno 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us