Scienze

Bunostegos, il primo rettile con le zampe che spuntavano da sotto il corpo

A metà tra lucertola e rinoceronte, è forse il primo della sua specie a poter camminare e correre come i grandi predatori di oggi.

Non doveva essere una bella vista, con tutte quelle protuberanze sul corpo delle dimensioni di una mucca ma simile a un incrocio tra lucertola e ippopotamo: è (era) il Bunostegos akokanensis, vissuto circa 260 milioni di anni fa dove oggi si estende il Niger.

Nonostante lo scarso fascino, è di notevole importanza per la comprensione dell’evoluzione degli esseri viventi: potrebbe infatti essere il primo rettile a camminare su quattro zampe, come un odierno quadrupede. Fino ad allora i rettili assomigliavano invece alle attuali lucertole, avevano cioè zampe che fuoriuscivano lateralmente dal corpo, che rasentava il terreno.

Grazie allo studio delle articolazioni delle ossa si è riusciti a estrapolare quella che doveva essere la postura del Bunostegos akokanensis. © Morgan Turner

Più possente e veloce. La nuova postura dava all’animale un’andatura più eretta, che gli permetteva di correre meglio e di sfruttare bene la sua massa. La scoperta dei resti fossili (avvenuta nel 2003) è del palentologo Morgan Turner, che adesso ha pubblicato sul Journal of Vertebrate Paleonology i risultati del suo studio sulle articolazioni delle ossa - da cui ha dedotto la postura dell'animale. «È possibile che il B. akokanensis non fosse l’unico a muoversi in quel modo, ma non ne abbiamo ancora trovato traccia», spiega Turner che sottolinea però come la complessità della postura del B. akokanensis faccia pensare che si potrebbero trovare individui meno evoluti di questo ma già con una postura eretta o semi eretta.

Altre specie del genere Pareiasaurs: a differenza del B. akokanensis hanno "zampe laterali". © Morgan Turner

La scomparsa. Il Bunostegos, come la maggior parte degli animali del Permiano inferiore, scomparve durante l’estinzione che si verificò al passaggio tra Permiano e Triassico, circa 250 milioni di anni fa. Le cause di quell’estinzione non sono chiare: forse furono profondi cambiamenti climatici legati a grandi eruzioni vulcaniche, o la caduta di un grande asteroide. Sappiamo però che scomparvero il 95% delle specie marine e il 70% dei vertebrati terrestri, Bunostegos compreso.

21 settembre 2015 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Oggi il presidente ucraino Zelensky, ieri l'imperatore Claudio, la contessa-guerriera Caterina Sforza, il sindacalista Lech Walesa, il sovrano Giorgio VI... Tutti leader per caso (o per forza) che le circostanze hanno spinto a mettersi in gioco per cambiare il corso della Storia. E ancora: nella Urbino di Federico da Montefeltro, un grande protagonista del Rinascimento; 30 anni fa, la morte di Giovanni Falcone a Capaci; lo scandalo Watergate che costrinse il presidente Nixon alle dimissioni; i misteri, mai risolti, attorno all'omicidio di Giovanni Borgia.

ABBONATI A 29,90€

Il mare è vita eppure lo stiamo sfruttando e inquinando rischiando il collasso dell’ecosistema globale. Per salvarlo dobbiamo intervenire. Come? Inoltre: perché è difficile prendere decisioni; esiste l'archivio globale dei volti; come interagire con complottisti e negazionisti; perché i traumi di guerra sono psicologicamente pesanti.

ABBONATI A 31,90€
Follow us