Scienze

BlackBerry raggiunge iPhone nelle vendite di smartphone

Terzo trimestre record per RIM.

Chi l'avrebbe detto! Nell'ultimo trimestre, contro ogni previsione, gli smartphone della canadese Research In Motion hanno venduto esattamente quanto l'iPhone: 14,1 milioni di esemplari. Davvero un brutto colpo per Steve Jobs che solo qualche mese aveva detto “RIM? Che provi a prenderci….”

“RIM ha spiazzato tutti vendendo 14,1 milioni di BlackBerry nell'ultimo trimestre”

Previsioni sballate - Steve Jobs, in occasione della presentazione degli ultimi risultati finanziari Apple relativi al quarto trimestre dell'anno fiscale, non aveva risparmiato critiche verso la concorrenza. Secondo il boss di Cupertino, Android è il sistema operativo numero uno negli States ma è una piattaforma troppo frammentata (ne esistono 100 versioni su 244 dispositivi tutti diversi), Nokia è l'attuale leader nel mercato degli smartphone, ma Apple non lo vede come un concorrente da battere, mentre RIM non ha chance per competere con le vendite dell'iPhone. Le classiche ultime parole famose.

BlackBerry a tutta forza - RIM ha spiazzato tutti vendendo 14,1 milioni di BlackBerry nell'ultimo trimestre, esattamente come il melafonino, contro una previsione di soli 2 milioni di unità. Il merito va al tanto bistrattato BlackBerry Torch arrivato sul mercato americano verso metà agosto e in Italia agli inizi di novembre. Con questo inatteso exploit, secondo gli ultimi dati Nielsen relativi ai sistemi operativi, iPhone guida la classifica con il 27.9% di market share tallonato proprio da RIM con il 27.4%.

Ecco gli smartphone più incredibili di Nokia. Guarda!

14 dicembre 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us