Scienze

Biometria: gli Usa scansionano i talebani

La Nato scheda l'iride dei talebani.

Il presidente afghano Hamid Karzai, con l’aiuto della Nato, sta “schedando” l’iride dei prigionieri talebani con l’obiettivo di introdurre in un prossimo futuro una carta d’identità biometrica per tutta la popolazione.

“Sono anni che la Nato e il Governo afghano raccolgono impronte e scansioni dell’iride”

Guerra agli infiltrati – È un progetto ambizioso, ma a quanto pare voluto dallo stesso presidente afghano Hamid Karzai che ha chiesto man forte agli Stati Uniti. La prima fase prevede la scansione dell’iride dei prigionieri talebani per evitare infiltrazioni e persone che fanno il “doppio gioco” nell’esercito regolare e presso la Nato, per poi arrivare a schedare 1.65 milioni di afghani entro il prossimo maggio.

Tutti schedati – L’uso di sistemi biometrici non è una novità in Afghanistan, ma il principale problema è che non c’è mai stato un vero coordinamento. Al momento esistono due distinti database con informazioni biometriche: uno gestito dalla Nato e l’altro dal Governo afghano. Gli americani, nell’ultimo anno e mezzo, hanno stilato 410.000 dossier con impronte, scansioni dell’iride e del volto di altrettanti prigionieri e “persone di interesse”. Il Governo di Karzai, invece, si è concentrato sul settore locale con informazioni biometriche su poliziotti, militari, ribelli e popolazione comune creando un archivio che riguarda quasi 250 mila persone. L’obiettivo, come accennato, è creare un sistema condiviso che porti a rilasciare, entro il prossimo maggio, 1.65 milioni carte d’identità elettroniche con dati per il riconoscimento biometrico.

Le spie di Facebook. Guarda la gallery!

24 settembre 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us