Scienze

Bici con freni wireless. La useresti?

I ricercatori dicono che funzionano "quasi" sempre.

Fotogallery - Scopri le bicilette 2.0

Un team di ricercatori tedeschi ha sviluppato e sperimentato un sistema di freni senza cavi e levette su una speciale bicicletta. È sicuro quasi al 100%... quel “quasi” ci lascia un po’ perplessi. Scopri come funziona.

“Il sistema frenante funziona nel 99,999999999997 per cento dei casi”

Radio frenata - Il team tedesco della Saarland University, guidato dal Professor Holger Hermanns sta studiando alcune nuove soluzioni per i sistemi wireless, principalmente per gli impianti frenanti dei trasporti su rotaia. Si tratta di applicazioni che sostituiscono i cavi e le leve meccaniche per la frenata, rimpiazzandoli con un sistema senza fili fatto di sensori e algoritmi matematici.

Due ruote sensibili - Gli scienziati, per passare dalla teoria alla pratica, hanno optato per un modello in scala montando il sistema su una bicicletta. Chi guiderà questa futuristica bici dovrà esercitare una pressione sulla manopola di destra che include un sensore al suo interno. Il comando arriva a una centralina di trasmissione che lo trasmette via radio alla sua controparte posizionata sulla forcella anteriore in prossimità del freno a disco.

“Quasi” sicuro - Secondo i calcoli e i test effettuati dal team tedesco, il prototipo di sistema di frenata wireless è affidabile nel 99,999999999997 per cento dei casi, mentre i tempi di reazione sono nell’ordine di 250 millisecondi. Un ciclista che viaggia a trenta chilometri orari, per esempio, dovrò esercitare la pressione sulla manopola un paio di metri prima della frenata. Sempre che non "cadi" in quello 0,000000000003% di casi sfortunati. (sp)

? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ?

? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ?

10 febbraio 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us