Scienze

Bici con freni wireless. La useresti?

I ricercatori dicono che funzionano "quasi" sempre.

Fotogallery - Scopri le bicilette 2.0

Un team di ricercatori tedeschi ha sviluppato e sperimentato un sistema di freni senza cavi e levette su una speciale bicicletta. È sicuro quasi al 100%... quel “quasi” ci lascia un po’ perplessi. Scopri come funziona.

“Il sistema frenante funziona nel 99,999999999997 per cento dei casi”

Radio frenata - Il team tedesco della Saarland University, guidato dal Professor Holger Hermanns sta studiando alcune nuove soluzioni per i sistemi wireless, principalmente per gli impianti frenanti dei trasporti su rotaia. Si tratta di applicazioni che sostituiscono i cavi e le leve meccaniche per la frenata, rimpiazzandoli con un sistema senza fili fatto di sensori e algoritmi matematici.

Due ruote sensibili - Gli scienziati, per passare dalla teoria alla pratica, hanno optato per un modello in scala montando il sistema su una bicicletta. Chi guiderà questa futuristica bici dovrà esercitare una pressione sulla manopola di destra che include un sensore al suo interno. Il comando arriva a una centralina di trasmissione che lo trasmette via radio alla sua controparte posizionata sulla forcella anteriore in prossimità del freno a disco.

“Quasi” sicuro - Secondo i calcoli e i test effettuati dal team tedesco, il prototipo di sistema di frenata wireless è affidabile nel 99,999999999997 per cento dei casi, mentre i tempi di reazione sono nell’ordine di 250 millisecondi. Un ciclista che viaggia a trenta chilometri orari, per esempio, dovrò esercitare la pressione sulla manopola un paio di metri prima della frenata. Sempre che non "cadi" in quello 0,000000000003% di casi sfortunati. (sp)

? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ?

? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ? ?

10 febbraio 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Oggi il presidente ucraino Zelensky, ieri l'imperatore Claudio, la contessa-guerriera Caterina Sforza, il sindacalista Lech Walesa, il sovrano Giorgio VI... Tutti leader per caso (o per forza) che le circostanze hanno spinto a mettersi in gioco per cambiare il corso della Storia. E ancora: nella Urbino di Federico da Montefeltro, un grande protagonista del Rinascimento; 30 anni fa, la morte di Giovanni Falcone a Capaci; lo scandalo Watergate che costrinse il presidente Nixon alle dimissioni; i misteri, mai risolti, attorno all'omicidio di Giovanni Borgia.

ABBONATI A 29,90€

Il mare è vita eppure lo stiamo sfruttando e inquinando rischiando il collasso dell’ecosistema globale. Per salvarlo dobbiamo intervenire. Come? Inoltre: perché è difficile prendere decisioni; esiste l'archivio globale dei volti; come interagire con complottisti e negazionisti; perché i traumi di guerra sono psicologicamente pesanti.

ABBONATI A 31,90€
Follow us