Scienze

Bere il latte ha reso alcune popolazioni più alte di altre

Qualche migliaio di anni fa gli abitanti del centro e nord Europa iniziarono a bere latte crudo: questo influì sulla loro evoluzione facendoli crescere di stazza e statura.

Il latte fa diventare grandi non è solo un detto che vale per l'età dello sviluppo: secondo uno studio pubblicato su PNAS bere latte crudo avrebbe infatti contribuito a far crescere in altezza e stazza i nostri antenati del nord e centro Europa. I ricercatori, che hanno analizzato oltre 3.500 scheletri rinvenuti in 366 diversi siti archeologici e appartenuti a persone vissute nell'arco di 25.000 anni, sostengono che il latte crudo consumato tra i 7.000 e i 2.000 anni fa dagli abitanti di alcune regioni dell'Europa centrale e settentrionale, li fece diventare più alti.

In controtendenza. Quel che accadde a nord e centro europei fu diametralmente opposto a ciò che sperimentarono gli abitanti del resto del mondo che, in seguito all'ultimo massimo glaciale, divennero più piccoli a causa della scarsezza di cibo dovuta all'abbassamento delle temperature globali. Poco dopo, agricoltura e allevamento iniziarono a diffondersi nel Levante e nell'Asia orientale, dove il terreno fertile assicurò cibo in abbondanza alle popolazioni, la cui corporatura non cambiò nei millenni successivi: tuttavia nell'Europa centrale e settentrionale le colture orientali non attecchirono, e i nostri antenati iniziarono a consumare latte crudo.

Più tolleranti. Il cambio nella dieta fece aumentare la lattasi, un enzima che favorisce la digestione del lattosio in età adulta. Questo permise alle popolazioni nord e centro europee non solo di avere più energia a disposizione, ma anche di diventare più tolleranti al lattosio (a differenza di noi europei meridionali).

Non solo in Europa. Sebbene lo studio sia stato condotto su scheletri principalmente europei (per un semplice fatto di abbondanza di reperti), secondo Jay Stock, coordinatore della ricerca, gli effetti del consumo di latte si riscontrano ancora oggi nella genetica di diverse popolazioni del mondo: «Credo che lo stesso meccanismo sia alla base di alcune differenze tra le popolazioni africane, come i Masai dell'Africa orientale che sono molto alti e storicamente bevono molto latte», spiega. «Sfortunatamente, non abbiamo dati sufficienti per provare questa teoria».

7 febbraio 2023 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us