Scienze

Benzina addio: ecco i distributori 2.0

Ecco come si ricarica l'auto elettrica.

Praticamente tutte le case automobilistiche stanno sfornando, soprattutto a livello di prototipi, modello che vanno a elettricità. Fantastico, ma come le ricarichi? E soprattutto, quanto tempo ci vuole? Solo 3 minuti per riempire metà “serbatoio” grazie a una rivoluzionaria “pompa” made in Japan.

“Il super-rapid charging system di JFE sarà installato in tutto il Giappone entro il 2011”

Già fatto? – La protagonista di questa storia è la Mitsubishi i-MiEV, la citycar elettrica che furoreggia in Giappone e attesa in Europa entro l’anno. L’altro personaggio, ancora meno conosciuto, è il “super-rapid charging system” progettato dalla giapponese JFE Engineering. L’incontro tra i due è fulmineo perché il nostro benzinaio elettrico ci mette solo 3 minuti a riempirle mezzo serbatoio, una quantità sufficiente per farle percorrere a zero emissioni circa 80 chilometri, e ovviamente tre minuti in più per farle il pieno di energia.

Standard giapponese – L’energico distributore della JFE Engineering costa 60mila dollari ed è compatibile con gli standard delle case produttrici di auto del Sol Levante - Nissan, Mitsubishi, Subaru e Toyota. Secondo JFE queste ecologiche pompe di energia saranno installati in tutto il Giappone entro il 2011. Dici che questo era il tassello che mancava per spalancare le “portiere” alle auto elettriche?

Cavalca l’Honda – Anche Honda è impegnata nel progetto “benzinai 2.0”. La casa automobilistica giapponese ha infatti installato presso il proprio centro di ricerca di Los Angeles una stazione di rifornimento di idrogeno alimentata con pannelli fotovoltaici. L’Honda Solar Hydrogen Station, grazie ai raggi del sole, è in grado di produrre ogni giorno mezzo chilo di idrogeno per ricaricare l'auto, ma che può anche essere impiegato per rifornire un’abitazione di energia elettrica.

I bolidi ecologici di Tesla. Guarda la gallery!

8 luglio 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Scipione e Annibale, Mario e Silla, Demostene e Filippo II di Macedonia... I giganti della Storia che hanno passato la loro vita a combattersi, sui campi di battaglia e non solo. E ancora: l'omicidio di Ruggero Pascoli, il padre del famoso poeta, rimasto impunito; il giro del mondo di Magellano e di chi tornò per raccontarlo; la rivoluzione scientifica e sociale della pillola anticoncezionale; nelle prigioni italiane dell'Ottocento; come, e perché, l'Inghilterra iniziò a colonizzare l'Irlanda.

 

ABBONATI A 29,90€

Tigri, orsi, bisonti, leopardi delle nevi e non solo: il ricco ed esclusivo dossier di Focus, realizzato in collaborazione con il Wwf, racconta casi emblematici di animali da salvare. E ancora: come la plastica sta entrando anche nel nostro organismo; che cos’è l’entanglement quantistico; come sfruttare i giacimenti di rifiuti elettronici; i progetti più innovativi per poter catturare l’anidride carbonica presente nell’atmosfera.

ABBONATI A 31,90€
Follow us