Scienze

Batteri Ogm "incatenati" al laboratorio

Una nuova tecnica di biocontenimento crea barriere invisibili che impediscono ai microrganismi geneticamente modificati di uscire dai recinti delle provette.

Tra i principali rischi dell'utilizzo di batteri geneticamente modificati c'è la possibilità che i germi escano dal laboratorio, contaminando l'ambiente esterno. Una nuova strategia di contenimento biologico descritta su Nature promette di disattivare la capacità di evasione dei microbi agendo direttamente al loro interno.

Dipendenti dall'uomo. Due equipe di biologi e genetisti americani hanno creato batteri dipendenti da un amminoacido (uno dei "mattoncini" essenziali per la costituzione di proteine) assente in natura. Finché l'amminoacido sintetico è inserito nella loro dieta, i batteri continuano a crescere in laboratorio. Ma quando l'ingrediente "extra" è sospeso, nessuno dei batteri testati è in grado di sopravvivere, come dimostra una serie di esperimenti che ha coinvolto oltre 100 miliardi di cellule in periodi di tempo lunghi fino a 20 giorni.

errore di lettura. La nuova tecnica ha avuto origine nel laboratorio di George Church, genetista dell'Harvard Medical School che due anni fa ha sintetizzato un ceppo di Escherichia coli geneticamente modificato: invece di riconoscere una particolare tripletta di basi nota come codone di stop ambra, che fa terminare la sintesi proteica, il nuovo batterio legge le stesse istruzioni come un comando a incorporare un nuovo tipo di amminoacido tra le sue proteine.

Del tutto isolati. Church e Farren Isaacs, biologo sintetico dell'Università di Yale (Connecticut) a capo dello studio, hanno fatto in modo che l'amminoacido in questione sia artificiale, cioè assente in natura. I microbi così ingegnerizzati non sono in grado di scambiare il proprio DNA con quello di batteri naturali, perché parlano un linguaggio biochimico diverso. Per lo stesso motivo, questi organismi sono anche più resistenti ai virus rispetto alle loro controparti naturali.

possibili applicazioni. La nuova tecnica potrebbe essere sfruttata nella produzione di nuovi farmaci o carburanti, per tenere separati i batteri dall'ambiente esterno. I microbi forniti di questo "cancelletto" naturale potrebbero anche essere utilizzati per un rilascio controllato in natura o nel corpo umano.

barriere invisibili. Una diversa strategia di sicurezza prevede di creare batteri in grado di crescere solamente in ambienti contenenti sostanze chimiche sintetiche in grado di attivarne l'espressione genica. Insomma il contenimento biologico sembra destinato ad essere sempre meno una questione di barriere fisiche.

27 gennaio 2015 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Il racconto del decennio (1919-1929) che condusse un'Italia povera, ferita e delusa dalla Grande guerra nelle braccia di Mussolini. E ancora: distanziamento, lockdown, ristori... tutte le analogie fra la peste di ieri e il covid di oggi; come Anna Maria Luisa, l'ultima dei Medici, salvò i tesori artistici di Firenze; dalla preistoria in poi, l'impatto dell'uomo sull'ambiente e sul paesaggio.

ABBONATI A 29,90€

Il cervello trattiene senza sforzo le informazioni importanti per sopravvivere. Qual è, allora, il segreto per ricordare? Inoltre: gli ultimi studi per preservare la biodiversità; la più grande galleria del vento d'Europa dove si testano treni, aerei, navi; a che punto sono i reattori che sfruttano la fusione nucleare.


ABBONATI A 29,90€

Litigare fa ammalare? In quale sport i gatti sarebbero imbattibili? Perché possiamo essere cattivi con gli altri? Sulla Luna ci sono nuvole? Queste e tante altre domande e risposte, curiose e divertenti, sul nuovo numero di Focus D&R, d'ora in poi tutti i mesi in edicola!

ABBONATI A 29,90€
Follow us