Scienze

Auto nel lago per colpa del GPS

Tragico incidente per colpa del navigatore.

Mai fidarsi del GPS: secondo la notizia riportata dal quotidiano spagnolo El Mundo, un uomo è morto perché il dispositivo ha segnalato una strada accessibile, che invece terminava in un lago artificiale.

“Le indicazioni errate sarebbero frutto di un mancato aggiornamento delle mappe”

Problemi di aggiornamento - Secondo il giornale un senegalese di 37 anni è deceduto, mentre l'altro passeggero che era sul veicolo è riuscito a salvarsi a nuoto. L'incidente è stato causato dal navigatore GPS, che ha guidato l'automobile su una vecchia strada rurale, ora bruscamente interotta: termina in un lago vicino alla cittadina di Capilla, nel centro del Paese.

Testimonianza del passeggero - Il buio pesto e la scarsa visibilità hanno contribuito alla disgrazia. Infatti, secondo quanto riportato dalla Croce Rossa e dal sopravvissuto, il guidatore non conosceva la zona e non ha visto in tempo il lago de La Serena: non è riuscito a frenare e la sua Peugeot 306, che è finita nel pantano alle 23 e 18, rimanendo sommersa dall'acqua in pochi minuti.

Sconosciute strade bianche - Il problema degli aggiornamenti di strade locali e secondarie è tipico dei paesi europei, che vantano una rete viaria vecchia di secoli: spesso capita che una strada non sia segnalata, oppure che l'aggiornamento delle mappe e del software non comprenda strade bianche o anche semplici rinnovamenti, inversioni di marcia, decretati e non comunicati dall'ultima giunta politica locale. In questo caso la piccola stradina termina in maniera improvvisa in un lago artificiale di recente costruzione, un ostacolo non segnalato e non compreso nel software del navigatore presente sul veicolo.

guarda le auto del futuro

5 ottobre 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us