Scienze

L'atmosfera della Terra non è eterna

Con la scomparsa dell'ossigeno, tra un miliardo di anni, la Terra sembrerà un pianeta sterile, forse solo con tracce di vita microbica nutrita da una nuova atmosfera ricca di idrocarburi. Proprio come potrebbe essere su mondi lontani.

Uno studio condotto da scienziati dell'università di Toho (Giappone) e del Georgia Tech (USA) dimostra che l'atmosfera della Terra non è scontata come ci piace credere: insomma, che non durerà per sempre. A un certo punto, tra circa un miliardo di anni, che è un futuro decisamente lontano se misurato sugli standard della nostra specie ma tutto sommato nell'ordine delle cose dal punto di vista geologico e della storia del Sistema Solare, i livelli di ossigeno scenderanno - rapidamente - per due motivi.
 
Da un lato vi sarà un indebolimento del ciclo dell'anidride carbonica, che porterà a un forte decremento della presenza di CO2 in atmosfera. Si creerà così uno scenario in cui gli organismi che dipendono dalla fotosintesi inevitabilmente periranno, e la massiccia morte delle piante porterà a un forte calo dei valori di ossigeno in atmosfera.

A ciò si aggiungerà il Sole, che per sua normale evoluzione si sarà riscaldato gradualmente, riportando il pianeta a condizioni simili a quelle che c'erano circa 2,4 miliardi di anni fa. Il rilascio di una maggiore quantità di energia da un Sole che invecchiando andrà a surriscaldarsi darà il colpo di grazia alla nostra atmosfera, perché l'eccesso di energia strapperà via lo strato di ozono che circonda la Terra, esponendola ad ancor più calore e soprattutto ad alti livelli di raggi ultravioletti.

A quel punto della storia, sostengono i ricercatori con lo studio pubblicato su Nature Geoscience, spariranno completamente la vita terrestre e quella acquatica, e potranno sopravvivere solamente forme di vita microbiche.
 
Il 21% circa del sottile strato di atmosfera respirabile attorno al pianeta è costituito da ossigeno: la quantità proprio giusta per mantenere l'ambiente perfetto per la vita. Ma non è sempre stato così: l'atmosfera era ben diversa nelle fasi iniziali della formazione della Terra, e sarà profondamente diversa tra un miliardo di anni. Gli scienziati hanno lavorato con modelli particolarmente complessi, che hanno infine mostrato come la Terra perderà il suo ossigeno e anche che solo per il 20-30 per cento dell'intera sua storia il pianeta possa avere un'atmosfera ideale (ossia simile all'attuale).

Tenuto conto del fatto che la presenza di ossigeno in atmosfera è una delle firme biologiche che possono indicare l'abitabilità di pianeti extrasolari, gli scienziati ritengono che il loro studio possa essere utile nella ricerca di vita extraterrestre - sottolineando che non si può escludere un'eventuale vita anche in presenza di un'atmosfera di idrocarburi, come potrebbe diventare quella della Terra tra 1 o 2 miliardi di anni.

22 marzo 2021 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us