Scienze

Non tutti i grandi asteroidi scatenano estinzioni di massa

La struttura chimica delle rocce su cui avviene un impatto è determinante nel favorire o meno condizioni ostili alla vita, anche più della dimensione dell'asteroide.

Anche guardando solo all'ultimo miliardo di anni, il numero di asteroidi che hanno colpito la Terra è molto elevato e include anche oggetti di dimensioni tali da poter provocare un cataclisma, per esempio alterando profondamente il clima del Pianeta. Allora come mai si parla di estinzioni di massa solo per pochi di questi eventi? Perché non tutti gli asteroidi di grandi dimensioni sono stati causa di catastrofi per quel che riguarda la vita? Dopo anni di ricerche una risposta sembra arrivare da uno studio condotto da ricercatori dell'Università di Liverpool e dell'Istituto di Vulcanologia delle Canarie: le loro conclusioni sono pubblicate sul Journal of the Geological Society.

Gli scienziati si sono concentrati in particolare su 44 impatti di asteroidi avvenuti negli ultimi 600 milioni di anni e hanno analizzato ciò che era finito in atmosfera subito dopo l'impatto (studiando le polveri attorno al punto di impatto). L'indagine ha permesso di capire che un ruolo fondamentale nel determinare condizioni coerenti con un'estizione è un'elevata presenza di feldspato di potassio (K-feldspato) nelle rocce del luogo di impatto. Il feldspato di potassio è un minerale abbastanza comune, ma non omogeneamente distribuito nelle rocce che caratterizzano la crosta terrestre: le regioni con maggiori quantità di K-feldspato sono anche quelle che, se impattate da un asteroide, producono condizioni più ostili alla vita.

La correlazione tra asteroidi, rocce ricche di potassio, sistema climatico ed estinzioni di massa è complessa, ma in estrema sintesi possiamo dire che quando il feldspato di potassio finisce nell'alta atmosfera, dopo un impatto, tende a dare origine a nuclei di ghiaccio che influenzano la dinamica della formazione delle nuvole. Il ghiaccio fa passare un'elevata quantità di raggi solari, che alimentano un maggiore riscaldamento della superficie terrestre e quindi a un cambiamento climatico che, a seconda della dimensione del fenomeno, può anche essere di natura globale. «In questo caso, però, non è la dimensione dell'asteroide il fattore principale», spiega Chris Stevenson, uno dei ricercatori: «ma il campo d'impatto, che se ricco di K-feldspato può innescare eventi a catena drammatici per la vita dell'intero pianeta.»

7 gennaio 2022 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us