Asteroide e vulcani alleati nell'estinzione

Le due catastrofi naturali alleate nell'estinzione dei dinosauri: una nuova ipotesi contraddice chi sosteneva l'una o l'altra teoria in modo esclusivo.

lavaflow
L'analisi del terreno tra due colate di lava del Decan, in India. | Mark Richards/UC Berkeley

Che cosa causò l'estinzione di massa del Cretaceo, 66 milioni di anni fa? L'impatto di un gigantesco asteroide, o un incremento delle eruzioni vulcaniche? Una combinazione di entrambe le cose, secondo uno studio dell'Università di Berkeley appena pubblicato su Science.

 

Eventi a catena. La ricerca include i dati più accurati mai raccolti finora sui flussi di lava dei Trappi del Decan, colate di basalto situate in una delle zone vulcaniche più estese della Terra, nella zona centro-occidentale dell'attuale India. Secondo lo studio, queste emissioni di lava avvenute alla fine del Cretaceo raddoppiarono la loro portata entro 50 mila anni dall'impatto dell'asteroide, del meteorite o della cometa che si pensa abbia contribuito alla drammatica riduzione delle forme di vita sulla Terra.

 

Eruzioni senza fine. L'impatto avrebbe rivoluzionato i sistemi di risalita della lava, cambiando la composizione chimica del magma e la frequenza delle eruzioni. Questii cambiamenti posticiparono la rinascita delle specie estinte di 500 mila anni oltre il limite K-T, cioè il momento che indica la fine del Cretaceo, caratterizzato dalla scomparsa di tracce fossili di molti animali terrestri e marini.

 

irrespirabile. Le imponenti eruzioni disseminarono ceneri e gas tossici nell'atmosfera, cambiando drasticamente il clima ed eliminando molte specie viventi. La datazione della lava colloca vulcanismo e impatto entro i 50 mila anni dall'estinzione: è pertanto superfluo distinguere tra i due disastri naturali.

 

1 ottobre 2015 | Elisabetta Intini