Scienze

Arriva il Gps anti-tsunami

Individuare gli tsunami coi satelliti.

Il disastro nell’Oceano Indiano del 2004 è ancora nella memoria di tutti. Se solo le popolazioni fossero state avvertite per tempo dell’arrivo di quella distruttiva onda anomala non ci sarebbero state così tante vittime. Un team di ricercatori francesi è convinto che la soluzione per individuare la formazione degli tsunami sia nell’uso dei satelliti.

“Il sistema GPS sarebbe in grado di rivelare onde gravitazionali “anomale””

Maremoto mortale – Il termine giapponese tsunami è ormai entrato nell’uso corrente della lingua italiana come sinonimo di maremoto dopo la catastrofe che si è abbattuta nell’Oceano Indiano nel Natale del 2004. Uno tsunami è un’onda anomala - originata da terremoti (anche sottomarini), attività vulcaniche, frane o impatti di meteoriti nel mare – che si abbatte violentemente sulle coste portando morte e distruzione. Vista l’origine acquatica del fenomeno, lo spazio sembrerebbe l’ultimo posto dove piazzare strumenti per rilevare queste onde potenzialmente devastanti. Invece pare che un team di ricercatori francesi dell’Istituto di Geofisica di Parigi (IPGP) riesca a prevedere queste catastrofi usando il sistema di posizionamento globale (GPS) dei satelliti già in orbita.

Gps puntati sugli oceani – Secondo Lucie Rolland, dell’Istituto parigino, gli tsunami produrrebbero delle onde gravitazionali interne all'atmosfera che spingono elettroni e particelle cariche a muoversi in base a un modello diverso dai soliti schermi e che i satelliti GPS sarebbero in grado di rilevare. Il team francese ha studiato molto attentamente lo tsunami del 2004, generato da un terremoto di magnitudo 8,2 al largo del Perù, e quello cileno del mese di febbraio. In entrambi i casi i satelliti registrarono delle onde gravitazionali “anomale” nella ionosfera dopo appena un paio di ore dalla formazione degli tsunami. Drizzare le antenne Gps dei satelliti sull’Oceano Pacifico sarebbe quindi una valida soluzione per prevedere gli tsunami e avvertire per tempo le popolazioni a rischio.

Hi-tech 2010. Guarda la gallery!

6 agosto 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Oggi il presidente ucraino Zelensky, ieri l'imperatore Claudio, la contessa-guerriera Caterina Sforza, il sindacalista Lech Walesa, il sovrano Giorgio VI... Tutti leader per caso (o per forza) che le circostanze hanno spinto a mettersi in gioco per cambiare il corso della Storia. E ancora: nella Urbino di Federico da Montefeltro, un grande protagonista del Rinascimento; 30 anni fa, la morte di Giovanni Falcone a Capaci; lo scandalo Watergate che costrinse il presidente Nixon alle dimissioni; i misteri, mai risolti, attorno all'omicidio di Giovanni Borgia.

ABBONATI A 29,90€

Il mare è vita eppure lo stiamo sfruttando e inquinando rischiando il collasso dell’ecosistema globale. Per salvarlo dobbiamo intervenire. Come? Inoltre: perché è difficile prendere decisioni; esiste l'archivio globale dei volti; come interagire con complottisti e negazionisti; perché i traumi di guerra sono psicologicamente pesanti.

ABBONATI A 31,90€
Follow us