Scienze

Antenna nel giubbotto di salvataggio

Si cuce sui giubbotti di salvataggio.

I ricercatori dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA) hanno sviluppato un’antenna che si può cucire sui giubbotti di salvataggio e sui salvagente per rintracciare i dispersi in caso d’incidente.

“Progetto europeo per segnalare la posizione in caso di disastri”

Sicurezza indossabile - L’idea è venuta agli scienziati dell’ESA (Agenzia Spaziale Europea) - in collaborazione con l’azienda finlandese Patria e la Tampere University of Technology - che hanno progettato un’antenna radio da cucire sui tessuto in modo da diventare parte integrante dell’equipaggiamento di salvataggio e agevolare per la ricerca e il soccorso di persone disperse.

Pieghevole e lavabile - L’antenna è costituita da materiale molto flessibile e leggero, ma al tempo stesso molto robusto e resistente all’acqua e alle condizioni climatiche più estreme. La speciale antenna è progettata per il Cospas-Sarsat - un sistema di ricerca globale per il soccorso - che sfrutta di ripetitori a terra, satelliti e postazioni mobili radio, su aerei e mezzi per il recupero.

Sistema globale - Il sistema Cospas-Sarsat è attivo da un circa trent’anni ha contribuito a salvare 26.000 vittime di disastri. Il sistema - sponsorizzato da Canada, Francia, Russia e Stati Uniti - è operativo 24 ore al giorno tutto l’anno e contribuisce a ridurre il tempo richiesto per le operazioni di soccorso. Le ricerche degli scienziati europei hanno mostrato come un soggetto disperso nel mare, con indosso un salvagente dotato della la speciale antenna, possa essere individuato in pochi minuti.

Salvagente che salva - L’antenna indossabile è al momento integrata in una serie di salvagenti prodotti dall’azienda danese Viking, mentre una versione “attaccabile” può essere appiccicata a qualsiasi corpetto di sicurezza o giubbotto di salvataggio. (sp)

Niccolò Fantini

23 ottobre 2011
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us