Scienze

Il mini dinosauro nell'ambra è una lucertola

Il più piccolo fossile di dinosauro mai scoperto, conservato nell'ambra, è in realtà un rettile non dinosauriano: lo studio originale è stato ritrattato.

I resti di un animale del Cretaceo conservati in una goccia d'ambra rinvenuta nel 2016 nel Myanmar (ex Birmania) apparterrebbe a una lucertola, non a un mini-dinosauro come inizialmente ipotizzato - seppure con un certo scetticismo. Nel marzo del 2020 un articolo pubblicato su Nature aveva descritto il ritrovamento: il cranio lungo meno di 2 cm di un minuscolo animale simile a un uccello, rimasto incastrato con il becco nella resina 100 milioni di anni fa. Ora quello studio, che ipotizzava una possibile classificazione dell'Oculudentavis khaungraae come il più piccolo dinosauro mai ritrovato è stato ritrattato, come si legge in questa nota, "per evitare informazioni non accurate nella letteratura scientifica".

L'errore. La descrizione di quel che resta dell'animale - una testa più piccola di quella di un colibrì provvista di un'articolata dentatura - è in effetti accurata, ma il fossile sarebbe appartenuto a un rettile non dinosauriano: una lucertola, come suggeriscono alcuni dati scientifici ancora non pubblicati su un ritrovamento, evidentemente più completo, molto simile a questo. Quando hanno avuto accesso alla nuova ricerca, gli scienziati dell'Università di Pechino autori del primo studio si sono convinti dell'erronea classificazione iniziale, confermando i dubbi che avevano comunque già espresso (come vi avevamo raccontato qui). Per riclassificare come lucertola l'Oculudentavis khaungraae occorrerà però aspettare la pubblicazione del nuovo studio.

Una decisione affrettata? Andrea Cau, paleontologo dell'Università di Parma, aveva espresso fin da subito dubbi sulla classificazione originaria: secondo lo scienziato, l'animale mostra infatti diverse caratteristiche tipiche delle lucertole, mai osservate in dinosauri volanti di quel periodo. Ma ritornare sui propri passi alla luce di migliori evidenze scientifiche è proprio ciò che caratterizza il metodo scientifico, e che restituisce un quadro il più possibile aderente al vero di quanto accaduto. Ecco perché - spiega Cau - la scelta di ritirare l'articolo è comunque discutibile: sarebbe bastato pubblicarne un altro che mettesse in luce le ultime osservazioni, anziché comportarsi come se il documento originale, che offre comunque una descrizione valida e interessante, oltre a un nuovo termine tassonomico, non fosse mai esistito.

15 agosto 2020 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

La (brutta) storia della follia raccontata attraverso i re e gli imperatori ritenuti pazzi, i rimedi adottati nei secoli per “curarla” e l'infinita serie di pregiudizi e superstizioni che hanno reso la vita dei malati un inferno peggiore del loro male. E ancora: quando le donne si sfidavano a duello; la feroce Guerra delle due Rose, nell'Inghilterra del '400.

ABBONATI A 29,90€

Senza l'acqua non ci sarebbe la Terra, l'uomo è l'animale che ne beve di più, gli oceani regolano la nostra sopravvivenza: un ricco dossier con le più recenti risposte della scienza. E ancora: come agisce un mental coach; chi sono gli acchiappa fulmini; come lavorano i cacciatori dell'antimateria; il fiuto dei cani al servizio dell'uomo.

ABBONATI A 29,90€
Follow us