Scienze

Ecco come si formerà il nuovo supercontinente Amasia

Nuove simulazioni confermano che il supercontinente Amasia si formerà per estroversione, con la chiusura cioè dell'Oceano Pacifico.

Nessuno di noi ci vivrà mai (e forse nessun rappresentante della razza umana), ma secondo alcuni esperti il prossimo supercontinente si chiamerà Amasia e si formerà tra 200 o 300 milioni di anni: se ne parla da tempo, e negli anni sono state presentate diverse teorie sulla sua possibile futura formazione. Una nuova simulazione, i cui risultati sono stati pubblicati su National Science Review, riprende il cosiddetto modello di estroversione, che predice la chiusura del Pacifico (un oceano "esterno" che circondava l'ultimo supercontinente) e l'unione di Asia e America.

Introverso o estroverso? Secondo le nuove simulazioni del supercomputer, il modello di introversione (che ipotizza la formazione di Amasia come conseguenza della chiusura dell'Atlantico, un oceano "interno" creato dalla rottura del precedente supercontinente) non è più attuabile. Lo spessore e la robustezza della litosfera oceanica (composta dalla crosta oceanica e dal mantello terrestre superiore) sono infatti determinanti nel definire il modo in cui un supercontinente si forma: una litosfera oceanica spessa e robusta porta alla formazione per introversione, mentre una litosfera oceanica sottile e fragile porta a una formazione per estroversione.

Secondo le stime, il progressivo raffreddamento del Pianeta sta facendo assottigliare la litosfera: ne consegue dunque che l'introversione non è più possibile ora, ma era possibile solo durante il Precambriano (da 4.6 miliardi a 541 milioni di anni fa), quando la litosfera oceanica era ancora molto spessa e resistente.

cartina
L’Oceano Pacifico, il più antico della Terra e ciò che resta di Panthalassa (il supermare che circondava Pangea), ha iniziato a restringersi fin dall’epoca dei dinosauri: attualmente si rimpicciolisce di qualche centimetro ogni anno. © martinova4 | Shutterstock

Unione di continenti. «Negli ultimi due miliardi di anni i continenti si sono scontrati formando un supercontinente ogni 600 milioni di anni», spiega Chuan Huang, coordinatore dello studio, facendo riferimento al fenomeno conosciuto come ciclo dei supercontinenti: «Per questo (visto che Pangea, l'ulitmo supercontinente, si è formato circa 320 milioni di anni fa, NdR) è verosimile aspettarsi che gli attuali continenti si ritroveranno tra due o tre centinaia di milioni di anni».

Amasia si formerà dall'incontro di Asia e America, ma non solo: anche l'Australia giocherà un ruolo nell'evento, dapprima scontrandosi con l'Asia e poi unendosi all'America e all'Asia una volta che il Pacifico si sarà chiuso.

Le conseguenze. Secondo Zheng-Xiang Li, uno degli autori, la presenza di un unico supercontinente sulla Terra ne altererà drammaticamente l'ecosistema e l'ambiente: «La Terra come la conosciamo oggi non esisterà più», commenta: «Il livello del mare si abbasserà, e il vasto entroterra di Amasia sarà molto arido, con temperature diurne altissime».

13 ottobre 2022 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us