Scienze

Alghe verdi di un miliardo di anni fa

Scoperti in Cina i fossili di alghe verdi con strutture ramificate e radici: un ritrovamento che aiuta a collocare nel tempo la nascita della fotosintesi.

In una roccia della Cina oggi asciutta e un tempo coperta dall'oceano sono stati individuati i fossili microscopici delle più antiche alghe verdi mai ritrovate: frammenti di piante oceaniche che ossigenavano i mari con la fotosintesi un miliardo di anni fa. La nuova specie, ribattezzata Proterocladus antiquus, batte la precedente detentrice del record di vecchiaia di 200 milioni di anni, e suggerisce che le alghe verdi marine dominassero gli oceani ben prima che le loro "cugine" piante comparissero sulla terraferma, 450 milioni di anni fa. La scoperta è descritta sull'ultimo numero di Nature Ecology & Evolution.

Sullo sfondo, l'aspetto che dovevano avere le alghe verdi in vita, un miliardo di anni fa. In primo piano, il loro aspetto attuale, da fossili. © Dinghua Yang

Dall'acqua al suolo. Se l'ipotesi oggi prevalente sull'origine della vegetazione terrestre - cioè che alberi, arbusti, muschi e ortaggi edibili abbiano tutti avuto origine dalle alghe verdi marine - regge, allora i fossili ritrovati potrebbero essere imparentati agli antenati di tutte le moderne piante che vivono fuori dall'acqua. In base a questa teoria, nell'arco di milioni di anni, la vegetazione oceanica si sarebbe gradualmente adattata anche ad ambienti asciutti e avrebbe imparato a prosperare anche sulla terraferma. 

Produttrici di ossigeno. I nuovi fossili, difficilmente visibili ad occhio nudo, sono stati trovati su rocce sedimentarie nella provincia settentrionale cinese di Liaoning. Osservati al microscopio rivelano una struttura ramificata molto simile a quella di un moderno ordine di alghe verdi marine, le sifonocladali. Il colore - verde - è importante: altre alghe più antiche erano state trovate prima d'ora (tra queste, un esemplare di alga rossa di 1,047 miliardi di anni) ma la nuova alga verde potrebbe aiutare a comprendere meglio la storia della fotosintesi clorofilliana

Si pensa che nascita delle piante verdi - Viridiplantae - sia avvenuta in un periodo compreso tra i 2,5 e i 635 milioni di anni fa, ma data la rarità di fossili vegetali così antichi, restringere questo arco di tempo si è rivelato finora molto difficile. La scoperta suggerisce che un miliardo di anni fa le piante verdi (seppur acquatiche) fossero già diffuse, e fa pendere l'ago della bilancia verso un'origine oceanica di queste piante: un'ipotesi non condivisa da tutti, visto che c'è chi pensa che le piante capaci di fotosintesi siano nate in fiumi e laghi.

10 marzo 2020 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us