L'italiano Alessio Figalli ha vinto la Medaglia Fields, il "Nobel" per la matematica

Il "Nobel per la Matematica" assegnato al 34enne romano, che ha una cattedra al Politecnico di Zurigo e già una brillante carriera alle spalle. Il riconoscimento - tra i più alti e ambiti nel settore - torna a un nostro connazionale dopo 44 anni. 

alessio-figalli
Alessio Figalli, classe 1984.

Alessio Figalli, un brillante matematico italiano di 34 anni, si è appena aggiudicato la Medaglia Fields, uno dei più importanti riconoscimenti mondiali per i matematici sotto ai 40 anni. L'annuncio è stato dato a Rio de Janeiro, in apertura del Congresso internazionale dei matematici che si svolgerà fino al 9 agosto.

 

Il contributo scientifico. Figalli, nato a Roma il 2 aprile 1984, è un matematico teorico docente al Politecnico di Zurigo. L'ambito premio, spesso paragonato a un "Nobel per la Matematica", gli è stato conferito "per i suoi contributi al trasporto ottimale, alla teoria delle equazioni derivate parziali e alla probabilità". Il concetto di trasporto ottimale può sembrare un po' ostico ai non addetti ai lavori: di fatto, si tratta di calcolare il costo di trasportare oggetti da una parte all'altra, e di trovare le soluzioni più efficienti.

 

Le equazioni elaborate in questo ambito della matematica descrivono un'ampia gamma di fenomeni in molte discipline, dall'urbanistica all'economia, fino alla meteorologia. Figalli si è occupato in particolar modo di trasporto ottimale in natura, studiando la deformazione dei cristalli al variare della temperatura e l'evoluzione delle nuvole (o meglio delle particelle di vapore acqueo che le compongono) nel tempo. I suoi studi possono servire, per esempio, ad elaborare previsioni meteo più accurate, benché non sempre è necessaria un'applicazione pratica agli studi di matematica teorica.

Carriera internazionale. Dopo la maturità classica a Roma, Figalli ha conseguito in quattro anni una laurea triennale e specialistica in matematica alla Normale di Pisa, con tesi sul trasporto ottimale; in solo un anno anziché tre ha ottenuto un dottorato di ricerca tra Pisa e Lione, entrando in contatto con Cedric Villani, Medaglia Fields nel 2010 nonché matematico vicino al Presidente francese Macron. Dopo un posto da ricercatore al Cnrs, il Cnr francese, e una cattedra all'Ecole Polytecnique di Parigi, a soli 26 anni approda ad Austin, in Texas, dove viene assunto come professore associato e, dopo due anni soltanto, ordinario. Nel 2016 il ritorno in Europa con la cattedra a Zurigo: una carriera che la maggior parte degli accademici non ottiene in una vita.

 

Figalli ha all'attivo 119 pubblicazioni scientifiche e altri 22 studi proposti, nonché molti altri riconoscimenti importanti come il Premio Feltrinelli, assegnato dall'Accademia Nazionale dei Lincei. Per l'Italia è la seconda Medaglia Fields dopo quella assegnata nel 1974 ad Enrico Bombieri, ora a Princeton, nell'Istituto di Studi avanzati dove aveva insegnato anche Einstein.  

 

01 Agosto 2018 | Elisabetta Intini