Scienze

Il materiale che cambia colore... come i polpi

Al Massachusetts Institute of Technology di Boston i ricercatori sono riusciti a produrre un materiale sintetico in grado di cambiare colore come fanno i cefalopodi.

Basta la vista di un nemico e la loro pelle cambia aspetto in un baleno, camuffandosi con l’ambiente circostante. Questa capacità dei polpi, delle seppie e dei calamari (guarda) ha sempre incuriosito gli scienziati che per anni hanno tentato di riprodurla artificialmente. Ora un gruppo di scienziati del Massachusetts Institute of Technology (MIT) di Boston ci è riuscito, creando un materiale sintetico in grado di modificare colore, fluorescenza e texture proprio come riescono a fare i cefalopodi.

La natura ispira. Come spiegano i ricercatori in un articolo pubblicato su Nature Communications, il materiale è composto da un sottile strato flessibile di elastomeri elettroattivi, polimeri in grado di riprendere la forma originaria dopo essere stati deformati da stimoli elettrici. Modificando l’intensità dei campi elettrici applicati, la superficie degli elastomeri ha prodotto linee, cerchi e lettere.

Secondo Qiming Wang, ingegnere a capo del progetto, il prototipo potrà avere applicazioni in ambito militare ma anche utilizzato per realizzare schermi flessibili o come rivestimento protettivo per le imbarcazioni.

Alcune delle forme che assume il materiale realizzato al MIT © Crediti: Qiming Wang

Come funziona nei polpi. Nella pelle dei cefalopodi esistono i cromatofori, cellule che contengono pigmenti: in risposta alla contrazione volontaria dei muscoli questi pigmenti si spostano all’interno della cellula producendo cambiamenti di colorazione nel derma di questi animali, i più evoluti tra i molluschi marini.

Il video dell'esperimento

22 settembre 2014 Paola Grimaldi
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us