Scienze

Ahi, mi hai graffiata! E la plastica "sanguina" come pelle

Dagli Stati Uniti un nuovo polimero ecosostenibile che si tinge di rosso quando danneggiato e si autorigenera alla luce del Sole.

Ci sono superfici con il dono naturale di potersi rigenerare - pensate alla nostra pelle o alla corteccia degli alberi - e altre che, una volta danneggiate, rimangono graffiate finché non interveniamo per ripararle (come accade, putroppo, con la carrozzeria dell'auto). Ma là dove Madre Natura non è arrivata, in alcuni casi può intervenire la ricerca: dall'ultimo meeting della American Chemical Society arriva la notizia di un nuovo tipo di plastica autorigenerante che sanguina (avete capito bene) come pelle umana se graffiata o strappata.

Marek W. Urban, professore della University of Southern Mississippi di Hattiesburg (USA) con i suoi colleghi ha ideato uno speciale polimero che si tinge di rosso quando danneggiato e si autorigenera alla luce solare ma anche sotto una lampadina, al cambiamento di pH o di temperatura. Il segnale rosso, ideale per notare eventuali danni sulla sua superficie, scompare automaticamente quando il graffio è sparito.
Il nuovo materiale è eco-friendly in quanto formato da copolimeri ricavati dall'acqua e contiene un legame molecolare che funge da "ponte" nella catena dei polimeri. Quando la plastica viene scalfita questo legame, responsabile del colore rosso, si rompe: da qui il cambiamento di colore.

Secondo i ricercatori il nuovo copolimero - si chiamano così le macromolecole le cui catene polimeriche contengono monomeri di due o più specie diverse - sarebbe perfetto da utilizzare come pellicola avvolgente intorno ad altri tipi di plastica o metallo. Proteggerebbe così dai graffi cellulari, tablet, computer, auto, senza contare le applicazioni in ambito militare (il Dipartimento della Difesa Americano ha in parte finanziato lo studio). Inoltre a differenza delle comuni plastiche autorigeneranti, che si autorigenerano una sola volta, la nuova plastica potrebbe ripararsi diverse volte, e l'equipe statunitense sta già studiando il modo di incorporare la tecnologia anche in plastiche che sopportano le alte temperature.

4 aprile 2012 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us