Scienze

Aeroporti al sicuro col riconoscimento intelligente

I nuovi software diventano infallibli.

Ci vuole l'occhio umano e un bel po' di esperienza per distinguere un turista stressato oltre ogni limite da un terrorista pronto all'attacco. Almeno fino ad ora: dall'Università del Texas arriva un software di riconoscimento facciale altamente sofisticato.

“I nuovi algoritmi più un esperto umano sono quasi infallibili”

Identificazione esperta - Il problema dei software dedicati al riconoscimento facciale non è la mancanza di efficienza, sostiene la Dottoressa Alice O'Toole, professore dell'Università del Texas e della Dallas School of Behavioral and Brain Sciences, quanto gli innumerevoli falsi positivi in cui in viaggiatore incavolato nero viene scambiato per un terrorista. La scienziata è al lavoro per sviluppare algoritmi in grado di ridurre al minimo le possibilità di errore. Stanno confrontando, punto per punto, le analogie di milioni di volti, per arricchire la base dati del programma e renderlo sempre più intelligente.

Problemi di luce - Un gravoso compito che il sistema di riconoscimento automatico dovrà portare a termine è di non farsi ingannare da condizioni di luce scarse o differenti tra le varie foto. Negli aeroporti e nei luoghi di grande affollamento è frequente che un volto venga ripreso in modo non chiaro. Il sistema di sorveglianza deve essere in grado di identificare il medesimo volto anche in casi come questo.

Risultati incoraggianti - Un particolare è subito da chiarire: il riconoscimento intelligente non cancellerà l'intervento umano, quanto piuttosto aumenterà le chances di successo. Dai test effettuati la combinazione uomo - macchina ha raggiunto il 100% dei risultati positivi. I nuovi algoritmi di identificazione con la supervisione di un esperto renderanno più sicuri gli aeroporti. Secondo le convinzioni della Dottoressa O'Toole.

Guarda le invenzioni che cambieranno il mondo

18 settembre 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us