Scienze

Adotta uno scienziato

Il Seti Institute, uno dei più prestigiosi centri di ricerca privati al mondo, offre i propri scienziati "in adozione". In cambio di un contributo si potrà seguire in diretta i progressi del proprio beniamino e partecipare a spedizioni scientifiche. (Alessandro Bolla, 15 settembre 2008)

Adotta uno scienziato e partecipa da protagonista alla ricerca scientifica... È questo il senso della nuova campagna di raccolta fondi promossa dal Seti Institute, un istituto di ricerca privato tra i più avanzati al mondo. Nella sua sede di Mountain View, in California, dal 1984 oltre 90 ricercatori e 60 collaboratori lavorano per esplorare, comprendere e spiegare le origini dell'Universo e della vita. Il Seti nei suoi 24 anni di studi può vantare collaborazioni prestigiose con enti pubblici e aziende private: dalla Nasa alla Microsoft, dalla Sun Microsystem al Dipartimento americano per l'energia. Ma anche negli Usa il mondo della scienza si trova a dover fare i conti con una ormai cronica mancanza di soldi e servono nuove idee.

ONERI E ONORI DELLA RICERCA

Gli scienziati attualmente adottabili presso il Seti Institute sono 15. Per conoscerli basta visitare il sito dell'istituto.
L'entità dei contributi richiesti va da un minimo di 1.000 dollari fino a 100.000 e oltre. Chi contribuisce con almeno 25.000 dollari potrà vedere il proprio nome scritto nelle pubblicazioni scientifiche insieme a quello dei ricercatori e partecipare alle spedizioni (spese a suo carico). Per 1.000 dollari ci si dovrà accontentare di una foto autografata del proprio scienziato.

IN VACANZA CON LO SCIENZIATO
Le vicende economiche degli Stati Uniti negli ultimi 18 mesi e, secondo alcuni, le crescenti spese militari per le operazioni in Medio Oriente, hanno ridotto drasticamente le disponibilità finanziarie per la ricerca scientifica. I responsabili dell'istituto hanno quindi deciso di chiedere aiuto agli appassionati di scienza di tutto il mondo, coinvolgendoli direttamente nelle attività dei laboratori Seti. Il progetto Adotta uno scienziato prevede infatti che chiunque possa decidere di finanziare parte di un progetto di ricerca (a sua scelta) tra quelli portati avanti dall'Istituto: in cambio si offre la possibilità di instaurare un rapporto diretto tra il ricercatore e i suoi finanziatori. I più generosi si vedranno aprire le porte dei laboratori, saranno aggiornati regolarmente sui progressi del proprio protetto e verranno invitati a partecipare a spedizioni scientifiche e campi di lavoro. In caso di "successo" entreranno a buon diritto negli annali della ricerca scientifica.

PC, PLAYSTATION E OCCHI BUONI

Per contribuire alla ricerca senza mettere mano al portafoglio e con uno sforzo minimo si può partecipare a uno dei numerosi progetti di calcolo distribuito esistenti, scaricare il software e lasciare che il computer lavori. I più smanettoni possono utilizzare BOINC, un sistema messo a punto dall'Università di Berkley che permette di partecipare a più progetti. E si può condividere anche la propria PS3. Chi ha buona vista può invece partecipare attivamente alla ricerca della polvere cosmica o della sonda Mars Polar Lander caduta su Marte nel 1999.

TUTTI INSIEME... SCIENTIFICAMENTE
Il Seti Institute non è nuovo a iniziative di questo tipo: nel 1999 ha coinvolto gli utenti Internet di tutto il mondo nel progetto Seti@home (vedi Focus 192 in edicola dal 19 settembre). Scaricando nel proprio pc uno speciale software chiunque può mettere a disposizione del centro di ricerca la potenza di calcolo inutilizzata dal proprio computer, per esempio quando è acceso e non lo si sta utilizzando o quando va il salvaschermo: basta questo per aiutare gli scienziati ad analizzare i segnali radio raccolti dal telescopio di Arecibo (Messico), in cerca di "voci" extraterrestri. Negli ultimi anni queste applicazioni si sono moltiplicate: università e centri di ricerca hanno sviluppato programmi di grid computing (calcolo distribuito) finalizzati all’analisi dei dati in diversi ambiti: dalla cura delle malattie alla scoperta di asteroidi che potrebbero cadere sulla Terra (vedi box).

11 settembre 2008
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us