Scienze

Addio siringhe, c'è il cerotto coi microaghi

Manda in pensione le vecchie siringhe.

Addio siringhe, arriva il cerotto “fai-da-te”. Molto presto il vaccino anti-influenzale e la somministrazione dei farmaci avverrà comodamente a casa senza l'aiuto di un medico e soprattutto in modo assolutamente indolore.

“Il cerotto con microaghi potrebbe arrivare nelle farmacie dal prossimo anno”

Già fatto? - In realtà gli aghi ci sono ancora e sono centinaia, ma niente paura perché sono piccolissimi - poche centinaia di micron, ossia la dimensione di qualche capello - e non provocano alcun male. I microaghi, infatti, contengono il principio attivo che, una volta a contatto con la pelle, rilascia il vaccino (come quello influenzale) o farmaci (come l'insulina per i diabetici). Il rivoluzionario cerotto, opera dei laboratori di ricerca del Georgia Institute of Technology di Atlanta, in collaborazione con la Emory University di Atlanta, è già stato sperimentato con successo sui topi, racconta il ricercatore Mark Prausnitz che spera che possa sostituire gli aghi ipodermici per iniezioni sottocutanee già a partire dal prossimo anno.

Più sicuro - La sperimentazione sui topi ha dimostrato che non solo questa soluzione funziona ed è indolore, ma che la risposta protettiva sembra addirittura migliore e serve meno vaccino di quello necessario in un'iniezione. Senza contare che il cerotto sarebbe più economico perché non richiede ambienti adeguati e determinate temperature per essere conservato e più sicuro, soprattutto in continenti come l'Africa dove il tasso di contagi incrociati sono ancora molto elevati (circa il 30% secondo l'Organizzazione mondiale della sanità).

Silvia Ponzio

Ecco le invenzioni che faranno il botto

19 luglio 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us