Un'altra domanda sull'origine della vita

Com'è avvenuto il passaggio dalla natura inorganica della Terra dei primordi alla prima, fondamentale scintilla di vita organica? Ecco un'ipotesi.

origine-della-vita_shutterstock_1315884206
Come si è passati da materia non vivente, inorganica, a vivente? Alcuni aspetti della domanda ricordano un altro famoso dilemma: è nato prima l'uovo o la gallina? | Jozsef Bagota / Shutterstock

Come è avvenuta l'abiogenesi, ossia l'origine della vita, la trasformazione da materia non vivente (inorganica) a vivente? La questione è di una tale complessità che non deve sorprendere la risposta: non lo sappiamo. E non basta dire che è arrivata da fuori, dallo Spazio, come molti pensano: non è una risposta, perché non fa altro che spostare altrove la domanda.

 

In questo ambito della ricerca gli scienziati sono molto prudenti, cercando di risolvere "a pezzetti" i tanti problemi aperti, e adesso uno di questi frammenti del quadro generale dell'origine della vita sembra aver ricevuto una risposta: una questione che sembrava impossibile sciogliere e che riguarda i peptidi e gli enzimi.

 

la Terra, evoluzione di un pianeta
L'RNA è stato il primo mattone della vita: molti scienziati condividono questa idea, ma nessuno sa spiegare che cosa è successo dopo, ossia come il mondo dell'RNA sia diventato il mondo di oggi. | Vectorpocket / Shutterstock

Si tratta di una sorta di problema circolare: semplificando molto, i peptidi sono catene di amminoacidi, ossia gli elementi su cui si basa la vita sulla Terra e che formano il tessuto delle proteine; ma per regolare la formazione degli amminoacidi sono necessari gli enzimi, che dipendono dalle proteine... Allora, "chi è arrivato per primo", tra peptidi ed enzimi, visto che gli uni hanno bisogno degli altri per formarsi? Un gruppo di scienziati coordinato da Matthew Powner (dip. di Chimica della University College di Londra) propone una soluzione.

 

Origine della vita
Passaggi obbligati. | peptidesciences.com

Per formare gli amminoacidi sono necessari gli amminonitrili (precursori degli amminoacidi): il team di Powner ha dimostrato i peptidi possono essere ottenuti dagli amminonitrili senza passare dalla formazione di amminoacidi: sarebbero sufficienti idrogeno solforato, acqua e un substrato di ferricianuro a fare da ossidante (un ambiente compatibile con quello della Terra delle origini) per ottenere i peptidi partendo da amminonitrili. Saidul Islam, uno degli autori dello studio pubblicato su Nature, afferma che per la prima volta una ricerca «dimostra in modo convincente che i peptidi si possono formare in acqua senza il bisogno di amminoacidi, partendo da condizioni che potrebbero essere state quelle ambientali della Terra primitiva, ricca di vulcani».

 

29 luglio 2019 | Luigi Bignami