Scienze

A quando risale il primo robot?

L’idea del robot è molto antica. Già nel XVIII secolo alcuni orologiai si cimentarono nella produzione di manichini semoventi con sembianze umane. Veri e propri robot, però, non furono realizzati fino all’invenzione dei computer, negli anni Quaranta. Uno dei primi fu Shakey, progettato dai ricercatori dello Stanford Research Institute (Usa) alla fine degli anni ’60. Shakey era capace di posizionare blocchi in pile verticali, usando una videocamera come sensore visivo ed elaborando le informazioni ricevute con un piccolo computer. Negli anni successivi lo studio dei movimenti è passato in secondo piano. I ricercatori hanno privilegiato invece lo sviluppo dell’intelligenza artificiale. Grazie a ciò, per esempio, l’elaboratore dell’Ibm Deep Blue ha battuto, nel 1997, il campione mondiale di scacchi Garry Kasparov. Nei prossimi anni la prospettiva è di ricombinare le due linee di ricerca. Tra i progetti più avanzati c’è la Robot World Cup Initiative: un gruppo di ricerca internazionale che si è posto l’obiettivo di creare, entro il 2050, 11 robot in grado di battere la squadra di calcio (umana) campione del mondo. Non si tratta solo di un gioco. Riuscire a progettare robot bipedi che camminano, corrono e calciano un pallone, capaci di percepire le situazioni di gioco e quindi di prendere, sul momento, decisioni strategiche complesse, significherebbe concepire una serie così ampia di innovazioni da costituire una base per la tecnologia industriale futura.
Per saperne di più: su Internet Robocup - il sito ufficiale del progetto per la costruzione di una squadra di robot che possa battere una squadra di calcio umana (in inglese).

2 luglio 2009
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us