Scienze

A che cosa serve l'antropometria?

È la scienza che misura le varie parti del corpo umano. Per esempio, la lunghezza delle ossa di braccia e gambe, la larghezza del bacino, la statura, il perimetro del torace, le dimensioni della...

È la scienza che misura le varie parti del corpo umano. Per esempio, la lunghezza delle ossa di braccia e gambe, la larghezza del bacino, la statura, il perimetro del torace, le dimensioni della testa (per la misurazione della scatola cranica si parla di cefalometria o craniometria), oppure peso e grandezza dei visceri. L’antropometria rileva anche i cosiddetti caratteri qualitativi, come il colore degli occhi, dei capelli e della pelle.
Misure e rapporti. Tutte le misurazioni vengono fatte prendendo come riferimento alcuni punti fissi del corpo, i punti antropometrici. Gli antropologi usano questi dati soprattutto per elaborare statistiche sulle caratteristiche dei gruppi umani. Più che le misure isolate, hanno importanza i rapporti di queste misure tra loro, che servono a determinare gli indici antropometrici: per esempio, considerando le dimensioni relative del cranio, gli uomini si dividono in brachicefali (con cranio largo e corto), dolicocefali (con cranio lungo e stretto) e mesocefali. Le misure e le proporzioni tra le varie parti del corpo umano erano sempre state studiate dagli artisti (nel Rinascimento se ne occuparono Leon Battista Alberti e Leonardo Da Vinci), ma la creazione dell’antropometria come disciplina scientifica si deve al belga Adolphe Quetelet, vissuto nel XIX secolo.
Al servizio della giustizia. Sempre nell’800, lo studioso Cesare Lombroso creò l’antropometria criminale: rilevava alcuni tratti somatici abnormi che, secondo le sue teorie, oggi superate, avrebbero dovuto essere indice di una devianza criminale. Ci sono poi l’antropometria segnaletica, che rileva un complesso di misure ossee utili a identificare i ricercati dalla giustizia; quella militare, che punta a valutare l’attitudine alle varie armi; e quella medica, che si propone di valutare le capacità funzionali e l’eventuale predisposizione alle malattie.

26 giugno 2002
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us