Scienze

In Australia c'è un incendio inestinguibile (e non è l'unico al mondo)

Nel sud-est dell'Australia c'è un incendio sotterraneo attivo da migliaia di anni (se non di più): ecco da che cosa può essere alimentato.

A 200 chilometri da Sydney, in Australia, c'è un incendio che suscita molta curiosità perché, secondo quanto tramanda la memoria collettiva della popolazione locale, sarebbe attivo "da sempre". È un incendio sotterraneo, a 30 metri di profondità sotto la superficie del monte Wingen.

Niente vulcani. Il fumo prodotto filtra attraverso alcune fratture ed è visibile in superficie, suggerendo la presenza di un vulcano sottostante. È quanto pensarono anche i primi europei che esplorarono quel luogo agli inizi dell'Ottocento, ma da studi successivi si capì ben presto che in zona non c'erano vulcani e che l'unica causa era l'incendio sotterraneo di un giacimento di carbone. 

Le misurazioni hanno dimostrato che il fuoco avanza al ritmo di circa un metro l'anno e si stima che sia attivo da circa 6.000 anni (sarebbe l'incendio più antico attualmente attivo sul Pianeta). Ma stando a Guillermo Rein, dell'Imperial College di Londra, che ha studiato il fenomeno, l'incendio potrebbe essere persino più antico e risalire addirittura a centinaia di migliaia di anni fa.

Non è il solo. Quello australiano non è l'unico incendio "perenne" di cui si abbia notizia. A Centralia, una cittadina degli Stati Uniti nello Stato della Pennsylvania, è attivo un incendio nel sottosuolo dal 1962. Sembra che sia partito da una discarica abusiva a cui venne dato fuoco nel tentativo di coprirne le tracce: l'incendio si propagò nell'immenso giacimento di antracite (un tipo di carbone) che corre sotto la città e a nulla valsero i mille tentativi fatti nel tempo per spegnere l'incendio. Centralia è oggi una città quasi fantasma abitata da non più di qualche decina di persone.

Cina e India. Altri incendi sotterranei sono attivi in diverse zone del Pianeta, a dimostrazione del fatto che si tratta di fenomeni non così rari come si potrebbe pensare. È difficile dare un numero preciso, ma sono comunque migliaia: la Cina ha il maggior numero di incendi di carbone, ma anche l'India, dove l'estrazione su larga scala è iniziata più di un secolo fa, ha avuto e ha tuttora gravissimi problemi legati al fenomeno. L'aumento delle temperature superficiali e i sottoprodotti tossici nelle acque sotterranee e nel suolo hanno trasformato i campi di carbone incendiati (originariamente densamente popolati) di Raniganj, Singareni e Jharia, in vaste terre desolate che hanno causato l'evacuazione di migliaia di persone.

13 gennaio 2022 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Da Suzy Solidor ad Alice Prin, da Luisa Casati a Dora Maar. Ambizioni, amori, talenti ed eccentricità delle donne che hanno ispirato i più grandi artisti del Novecento (e non solo). E ancora: dalle latrine romane al trono-gabinetto del Re Sole, la storia del bagno e dei nostri bisogni più intimi; i prìncipi secondogeniti che si sono ribellati alle leggi di successione, e ne hanno combinate di tutti i colori.

ABBONATI A 29,90€

Alla scoperta della pelle, l’organo più esteso del corpo che si rinnova in continuazione e definisce il nostro aspetto. E ancora: come funziona il nuovo farmaco per il tumore della mammella; le ultime meravigliose sorprese della Via Lattea; l'addestramento degli equipaggi degli elicotteri di salvataggio; dove sono le riserve maggiori di gas e con quali tecniche si estrae e distribuisce.

ABBONATI A 31,90€
Follow us