Scienze

40.000 metri in caduta libera: anche questa è scienza

Un atleta austriaco si butterà con il paracadute e una speciale tuta da 40 km di altezza. Sfonderà con il suo corpo il muro del suono e porterà a terra dati utili per astronauti e turisti spaziali.

Lui si chiama Felix Baumgartner e presto potrebbe diventare il primo uomo a sfondare il muro del suono senza un aereo o un razzo spaziale. Felix raggiungerà la ragguardevole altezza di 40.000 metri al di sopra della superficie terrestre a bordo di una speciale capsula pressurizzata agganciata ad un pallone stratosferico, aprirà la porta e… si butterà nel vuoto. Tutto per amore del brivido ma anche della scienza: Baumgartner e la sua tuta saranno infatti pieni di sensori e rilevatori che registreranno il funzionamento di cuore, muscoli e cervello e permetteranno di studiare gli effetti della velocità e delle accelerazioni sul fisico umano.

Il pericolo è il suo mestiere
L’esperienza dell’atleta austriaco sarà ad altissimo rischio in ogni sua fase.
Una volta in quota, Baumgartner dovrà depressurizzare la capsula e aprire il portello. Un qualsiasi incidente che danneggi la tuta o il casco sarebbero fatali.
30 secondi dopo il lancio dovrebbe aver raggiunto i 33.000 metri di quota e la velocità del suono (1193,4 km/h). L’onda d’urto creata dal suo stesso corpo sarà tremenda e per sopravvivere allo shock il paracadutista potrà solo assumere la posizione a proiettile con le gambe unite e le braccia perfettamente aderenti al corpo.

Muro del suono
Baumgartner volerà a velocità supersonica solo per pochi secondi: avvicinandosi alla Terra l’aria diventerà più densa e rallenterà la sua discesa fino a circa 180 km/h. Una turbolenza, una mano leggermente staccata dal corpo saranno sufficienti per far entrare Baumgartner in una pericolosissima rotazione, fino a 120 giri al minuto, che potrebbe essergli fatale. Se ciò si dovesse verificare, uno speciale paracadute tenterà di fargli riprendere il controllo della situazione.

Sano&salvo
Dopo circa 5 minuti di caduta libera, a una quota di 1500 metri, si aprirà il paracadute principale: Felix potrebbe toccare il suolo a oltre 150 km di distanza dal luogo di decollo. Per tutta la durata della prova il paracadutista sarà protetto solo da una speciale tuta pressurizzata di sua concezione: se l’esperimento andrà a buon fine non è escluso che possa essere utilizzato come primo test per un sistema di rientro d’emergenza per astronauti e turisti spaziali.

Nella storia, a velocità supersonica
Baumgartner non è il primo a cimentarsi in un impresa del genere: il 16 agosto del 1960, Joe Kittinger, un colonnello dell’aeronautica militare americana, si lanciò da circa 35.000 metri raggiungendo la velocità di Mach 0,9 e aprendo così la strada alle missioni umane nello spazio. Le date della prova non sono ancora state stabilite: l’organizzazione dell’austriaco sta ancora attendo le necessarie autorizzazione dalla Federal Aviation Federetion, l’ente del governo USA che controlla i cieli e gli spazi aerei.

Le imprese di Felix
Baumgartner non è nuovo a imprese. Alcune di queste sono state documentate anche da Focus. E qui sotto, si possono seguire attraverso il racconto del suo stesso autore (in inglese).


Notizia aggiornata al 13 aprile 2010

14 aprile 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Chi erano i gladiatori? Davvero lottavano sempre all’ultimo sangue? Con quali armi e tecniche combattevano? Perché gli imperatori investivano una fortuna sui loro spettacoli di morte? Entriamo negli anfiteatri della Roma imperiale per conoscere da vicino gli atleti più famosi dell’antichità. E ancora: come la moda del Novecento ha ridato la libertà alle donne; alla scoperta di Monte Verità, la colonia sul lago Maggiore paradiso di vegani e nudisti; i conflitti scoppiati per i motivi più stupidi; la guerra al vaccino antivaiolo dei primi no vax; le Repubbliche Sorelle.

ABBONATI A 29,90€
Focus e il WWF festeggiano insieme il compleanno: Focus è in edicola da 30 anni e il WWF si batte da 60 per la difesa della natura e degli ecosistemi. Insieme al WWF, Focus è andato nelle riserve naturali e nei luoghi selvatici del mondo per scoprire come lavorano i loro ricercatori e volontari per aiutare la Terra e i suoi abitanti. Inoltre: perché i cicloni sono sempre più violenti; perché la miopia sta diventando un'emergenza globale; come sarebbero gli alieni (se esistessero).
ABBONATI A 31,90€
Follow us