Scienze

40.000 metri in caduta libera: anche questa è scienza

Un atleta austriaco si butterà con il paracadute e una speciale tuta da 40 km di altezza. Sfonderà con il suo corpo il muro del suono e porterà a terra dati utili per astronauti e turisti spaziali.

Lui si chiama Felix Baumgartner e presto potrebbe diventare il primo uomo a sfondare il muro del suono senza un aereo o un razzo spaziale. Felix raggiungerà la ragguardevole altezza di 40.000 metri al di sopra della superficie terrestre a bordo di una speciale capsula pressurizzata agganciata ad un pallone stratosferico, aprirà la porta e… si butterà nel vuoto. Tutto per amore del brivido ma anche della scienza: Baumgartner e la sua tuta saranno infatti pieni di sensori e rilevatori che registreranno il funzionamento di cuore, muscoli e cervello e permetteranno di studiare gli effetti della velocità e delle accelerazioni sul fisico umano.

Il pericolo è il suo mestiere
L’esperienza dell’atleta austriaco sarà ad altissimo rischio in ogni sua fase.
Una volta in quota, Baumgartner dovrà depressurizzare la capsula e aprire il portello. Un qualsiasi incidente che danneggi la tuta o il casco sarebbero fatali.
30 secondi dopo il lancio dovrebbe aver raggiunto i 33.000 metri di quota e la velocità del suono (1193,4 km/h). L’onda d’urto creata dal suo stesso corpo sarà tremenda e per sopravvivere allo shock il paracadutista potrà solo assumere la posizione a proiettile con le gambe unite e le braccia perfettamente aderenti al corpo.

Muro del suono
Baumgartner volerà a velocità supersonica solo per pochi secondi: avvicinandosi alla Terra l’aria diventerà più densa e rallenterà la sua discesa fino a circa 180 km/h. Una turbolenza, una mano leggermente staccata dal corpo saranno sufficienti per far entrare Baumgartner in una pericolosissima rotazione, fino a 120 giri al minuto, che potrebbe essergli fatale. Se ciò si dovesse verificare, uno speciale paracadute tenterà di fargli riprendere il controllo della situazione.

Sano&salvo
Dopo circa 5 minuti di caduta libera, a una quota di 1500 metri, si aprirà il paracadute principale: Felix potrebbe toccare il suolo a oltre 150 km di distanza dal luogo di decollo. Per tutta la durata della prova il paracadutista sarà protetto solo da una speciale tuta pressurizzata di sua concezione: se l’esperimento andrà a buon fine non è escluso che possa essere utilizzato come primo test per un sistema di rientro d’emergenza per astronauti e turisti spaziali.

Nella storia, a velocità supersonica
Baumgartner non è il primo a cimentarsi in un impresa del genere: il 16 agosto del 1960, Joe Kittinger, un colonnello dell’aeronautica militare americana, si lanciò da circa 35.000 metri raggiungendo la velocità di Mach 0,9 e aprendo così la strada alle missioni umane nello spazio. Le date della prova non sono ancora state stabilite: l’organizzazione dell’austriaco sta ancora attendo le necessarie autorizzazione dalla Federal Aviation Federetion, l’ente del governo USA che controlla i cieli e gli spazi aerei.

Le imprese di Felix
Baumgartner non è nuovo a imprese. Alcune di queste sono state documentate anche da Focus. E qui sotto, si possono seguire attraverso il racconto del suo stesso autore (in inglese).


Notizia aggiornata al 13 aprile 2010

14 aprile 2010
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us