Scienze

26 novembre 2019, il terremoto in Albania

Dalla pagina facebook del geologo Luigi Bignami, divulgatore e collaboratore di Focus, una breve spiegazione dei motivi dell'elevata sismicità delle regioni che si affacciano sul Mare Mediterraneo.

La regione mediterranea è sismicamente attiva a causa della convergenza verso nord, alla velocità di 4-10 mm/anno, della placca africana rispetto alla placca eurasiatica, lungo un confine molto complesso tra le due placche. Questa convergenza iniziò all'incirca 50 milioni di anni fa ed era associata alla chiusura del Mare della Tetide, il cui "residuo moderno" è il Mar Mediterraneo.

I più alti tassi di sismicità nella regione mediterranea si trovano lungo la zona di subduzione ellenica della Grecia meridionale, cioè dove la placca africana va ancora sotto a quella euroasiatica, lungo la zona di faglia dell'Anatolia settentrionale (Turchia occidentale) e la zona di subduzione calabrese dell'Italia meridionale. L'intera regione del Mediterraneo è ricca di scritti che coprono diversi secoli e documentano la sismicità pre-strumentale (i sismi registrati e descritti prima del XX secolo): storicamente, i terremoti hanno causato danni diffusi in tutta la Grecia centrale e meridionale, Cipro, Albania, Sicilia, Creta, il delta del Nilo, la Libia settentrionale, le montagne dell'Atlante del Nord Africa, la penisola iberica. L'abbondanza e l'intensità sismiche della regione del Mediterraneo sono rappresentate dai cerchi nella figura in alto, in questa pagina. Il terremoto di Citera del 1903 (magnitudo 8.2) e quello di Rodi del 1926 (M7.8) sono i maggiori terremoti del Mediterraneo registrati strumentalmente, entrambi associati alla tettonica delle zone di subduzione: il terremoto in Albania è perfettamente inquadrabile in questo meccanismo.

26 novembre 2019 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Il racconto del decennio (1919-1929) che condusse un'Italia povera, ferita e delusa dalla Grande guerra nelle braccia di Mussolini. E ancora: distanziamento, lockdown, ristori... tutte le analogie fra la peste di ieri e il covid di oggi; come Anna Maria Luisa, l'ultima dei Medici, salvò i tesori artistici di Firenze; dalla preistoria in poi, l'impatto dell'uomo sull'ambiente e sul paesaggio.

ABBONATI A 29,90€

Il cervello trattiene senza sforzo le informazioni importanti per sopravvivere. Qual è, allora, il segreto per ricordare? Inoltre: gli ultimi studi per preservare la biodiversità; la più grande galleria del vento d'Europa dove si testano treni, aerei, navi; a che punto sono i reattori che sfruttano la fusione nucleare.


ABBONATI A 29,90€

Litigare fa ammalare? In quale sport i gatti sarebbero imbattibili? Perché possiamo essere cattivi con gli altri? Sulla Luna ci sono nuvole? Queste e tante altre domande e risposte, curiose e divertenti, sul nuovo numero di Focus D&R, d'ora in poi tutti i mesi in edicola!

ABBONATI A 29,90€
Follow us