Scienze

26 novembre 2019, il terremoto in Albania

Dalla pagina facebook del geologo Luigi Bignami, divulgatore e collaboratore di Focus, una breve spiegazione dei motivi dell'elevata sismicità delle regioni che si affacciano sul Mare Mediterraneo.

La regione mediterranea è sismicamente attiva a causa della convergenza verso nord, alla velocità di 4-10 mm/anno, della placca africana rispetto alla placca eurasiatica, lungo un confine molto complesso tra le due placche. Questa convergenza iniziò all'incirca 50 milioni di anni fa ed era associata alla chiusura del Mare della Tetide, il cui "residuo moderno" è il Mar Mediterraneo.

I più alti tassi di sismicità nella regione mediterranea si trovano lungo la zona di subduzione ellenica della Grecia meridionale, cioè dove la placca africana va ancora sotto a quella euroasiatica, lungo la zona di faglia dell'Anatolia settentrionale (Turchia occidentale) e la zona di subduzione calabrese dell'Italia meridionale. L'intera regione del Mediterraneo è ricca di scritti che coprono diversi secoli e documentano la sismicità pre-strumentale (i sismi registrati e descritti prima del XX secolo): storicamente, i terremoti hanno causato danni diffusi in tutta la Grecia centrale e meridionale, Cipro, Albania, Sicilia, Creta, il delta del Nilo, la Libia settentrionale, le montagne dell'Atlante del Nord Africa, la penisola iberica. L'abbondanza e l'intensità sismiche della regione del Mediterraneo sono rappresentate dai cerchi nella figura in alto, in questa pagina. Il terremoto di Citera del 1903 (magnitudo 8.2) e quello di Rodi del 1926 (M7.8) sono i maggiori terremoti del Mediterraneo registrati strumentalmente, entrambi associati alla tettonica delle zone di subduzione: il terremoto in Albania è perfettamente inquadrabile in questo meccanismo.

26 novembre 2019 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us