Scienze

L'ultima cena del baby dinosauro

Nuovi dettagli sulla vita (e sui pasti) di Ciro, il baby dinosauro italiano.

Se ne è andato in circostanze misteriose, forse affogando nel mare che un tempo ricopriva Pietraroja (Benevento) 110 milioni di anni fa. Un'esistenza brevissima, durata pochi giorni. Un dinosauro lungo quanto un gatto, del peso di 200 grammi, sta tenendo con il fiato sospeso i paleontologi di tutto il mondo. Si chiama Ciro, almeno così è stato soprannominato dai giornalisti che nl 1998 videro la sua foto sulla copertina della rivista Nature. I paleontologi lo chiamano Scipionyx samniticus, appartiene alla famiglia dei Teropodi, la stessa dei Velociraptor. Era coperto da un sottile e soffice strato di piume e veniva ancora probabilmente nutrito dai genitori. Prima di morire consumò due pesci, tra cui una sardina, un piccolo rettile e una zampa di lucertola enorme per il suo stomaco.

La ricostruzione dell'ultimo menù di Ciro è stata possibile grazie alle circostanze fortunate della sua "sepoltura". Il piccolo rettile fu investito da una coltre di sedimenti e fanghi calcarei nel mare di Pietraroja, e subì presto un processo di mineralizzazione in assenza di ossigeno che ne ha praticamente preservato gran parte degli organi interni. Cinque anni di analisi tra TAC, esami microscopici e agli ultravioletti hanno portato alla luce dettagli sulla sua anatomia e fisiologia interna mai scoperti in alcun dinosauro finora. Questa mole di dati, scoperta e organizzata dai paleontologi del Museo di Storia Naturale di Milano Cristiano Dal Sasso e Simone Maganuco, servirà come miniera di informazioni per le prossime indagini paleontologiche.

Autopsia di un baby dinosauro: la gallery con tutte le foto di Ciro

23 giugno 2011 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us