Mondo mancino: tutti i vantaggi della sinistra

La vita dei mancini, costretti a vivere in un mondo progettato per i destrimani, è piuttosto complessa, almeno dal punto di vista pratico. Eppure la scienza ha ormai ampiamente confermato che essere mancini, neurologicamente parlando, ha numerosi vantaggi; una maggior creatività, un pensiero più veloce e una miglior predisposizione a risolvere i problemi. Leggi anche: 6 novità che (forse) non sai sui mancini.

Più creativi, più abili, più ricchi: dopo secoli di repressione - fino a non molti anni fa i mancini venivano corretti imponendogli, a scuola, l'utilizzo della mano destra - chi scrive con la sinistra può finalmente prendersi una rivincita. Numerosi studi hanno infatti confermato che i mancini, il 10% circa della popolazione, hanno una marcia in più per poter battere i destrimani in numerosi ambiti. 
Ma che cos'è il mancinismo? Si tratta di una prevalenza dell’uso dell’emisfero destro del cervello in alcune attività: i mancini quindi, oltre ad utilizzare di più la mano sinistra, usano di più occhio e orecchio sinistri.
Oltre ad Albert Einstein (mancino corretto, come era prassi all'epoca) chi sono i mancini famosi? In quali campi hanno eccelso? E soprattutto... è proprio vero che sono sono più intelligenti?

Una ricerca inglese pubblicata su Nature Neuroscience ha dimostrato che sono sicuramente meglio dotati, dal punto di vista neurologico, per l'arte oratoria: il loro cervello infatti, a differenza di quello dei destrimani, utilizza entrambi gli emisferi per l'elaborazione del linguaggio. «In pratica» spiega Chris McManus, docente di Psicologia presso lo University College di Londra e autore dello studio, «se i destrimani quando parlano usano soltanto l'emisfero sinistro, cioè quello naturalmente incaricato di elaborare il linguaggio, molti mancini sfruttano anche la parte destra, dominante nel loro cervello»
Tra i campioni mancini di oratoria c'è sicuramente Barack Obama, 44° Presidente USA.
Nato nel 1961 a Honolulu, Barack Hussein Obama II è il presidente dei primati: oltre ad essere il primo afroamericano a diventare Presidente degli Stati Uniti d'America, Obama è stato il primo afroamericano in lizza per la Casa Bianca in uno dei maggiori partiti del paese.
E' stato anche il primo presidente a stelle strisce la cui foto ufficiale è stata scattata con una fotocamera digitale e rilasciata sotto licenza Creative Commons.

Pittori, disegnatori, architetti, grafici, illustratori: tra i grandi della matita (ma anche del pennello e dello scalpello) i mancini sono davvero tanti. Che ci sia un collegamento tra capacità illustrative e mano sinistra? Secondo gli scienziati potrebbe dipendere dal fatto che la parte destra del cervello, quella dominante nei mancini, è la sede delle capacità visuali: chi è mancino insomma potrebbe essere avvantaggiato in tutte le attività di tipo illustrativo.
Nella foto, una gigantesca riproduzione del celebre autoritratto di Van Gogh (1853-1890) che ricopre la casa dell'artista a Auvers Sur Oise (Francia) durante una ristrutturazione.
Autore di 864 tele e oltre 1000 disegni, Van Gogh fu uno dei principali influenzatori dell'arte del XX secolo.

Il segreto dell'arte di Van Gogh? Un pigmento fluorescente

Per lo stesso motivo i mancini sarebbero avvantaggiati anche negli sport: la mano e il piede sinistri sono collegati con la parte destra del cervello, la stessa che comanda le funzionalità visuo-spaziali: in questo modo sguardo, elaborazione di ciò che succede sul campo e azione avvengono molto più rapidamente che nei destrimani. In questi ultimi infatti le informazioni devono passare da un emisfero all'altro attraverso il corpo calloso che li collega.
Nella foto John McEnroe, classe 1959, uno dei più grandi giocatori di tennis di tutti i tempi.  E' stato l'unico l'unico al  mondo ad aggiudicarsi un torneo ATP, il più importante circuito tennistico professionistico, in 4 decenni differenti: nel 2006, a 47 anni di età, l'atleta ha infatti conquistato l'ultimo titolo della sua lunghissima carriera, vincendo il torneo SAP di San Josè, in California.

Il tennis ti annoia? Guarda gli sport più strani del mondo

Secondo una ricerca della St. Lawrence University di New York tra tutte le persone con un quoziente intellettivo superiore a 140, cioè i super intelligenti, ci sarebbero più mancini che nella media della popolazione. Alan Salerman, autore dello studio, afferma che l'intelligenza dei mancini è più fluida e che in questi individui vi è una maggior propensione a risolvere i problemi.
Sarà per questo che Napoleone Bonaparte (1769 - 1821) è considerato uno dei più grandi strateghi militari della storia?

Uno studio condotto dal National Bureau of Economic Research degli Stati Uniti evidenzia come, negli USA,  i maschi mancini abbiano in media un reddito del 15% più alto rispetto ai destrimani.
Secondo gli autori dello studio, visto che i mancini sono più creativi e intelligenti della media, occupano posti di maggior rilievo nelle aziende, con stipendi di conseguenza più alti.
Tra i mancini multimilionari un posto spetta sicuramente a William Henry Gates III, meglio noto come Bill Gates, che dal 1996 è stabilmente nella classifica dei 3 uomini più ricchi del pianeta.
In questa curiosa immagine dei primi anni '90 Bill Gates mostra quanti fogli di carta possono essere archiviati in un unico CD: circa 300.000

Trent'anni di evoluzione degli utenti Windows in un'immagine

Essere mancini sembra insomma un vantaggio da molti punti di vista: secondo una ricerca della Australian National University condotta da Nick Cherbuin i mancini sarebbero più veloci dei destrimani nell'elaborazione delle informazioni grazie a una miglior interconnessione tra i due emisferi.
Tra i mancini più veloci del mondo c'è sicuramente Valentino Rossi, classe 1979, uno dei più grandi piloti motociclistici di tutti i tempi: è stato infatti l'unico ad aggiudicarsi il titolo mondiale in 4 diverse categorie (125, 250, 500 e Moto GP).

Ma mancini si nasce o si diventa? In generale il mancinismo è una caratteristica presente fin dalla nascita, ma per capire se un bambino sarà mancino occorre aspettare verso i due-tre anni, quando inizia a disegnare e perfeziona l'attività motoria.
Mancini si può anche diventare per necessità: nel caso di una paralisi della parte destra del corpo diventa necessario utilizzare la mano sinistra e quindi se ne sviluppa la capacità.
Lo studio di McManus ha comunque evidenziato come i mancini non sono tutti uguali: c'è chi scrive con la destra ma, quando gioca a pallone, calcia di sinistro, chi scrive con la sinistra ma mangia la minestra tenendo il cucchiaio con la destra.
Nella foto: Neil Armstrong (1930-2012), il primo uomo a mettere il piede (ovviamente il sinistro), sulla Luna.

E tu sai qual è la tua lateralità? Scoprilo con questo test

Leonardo da Vinci (1451-1519), fu pittore, ingegnere, scienziato, inventore, scrittore, scenografo, scultore.... ed è considerato uno dei più grandi geni dell'umanità.
Secondo alcuni studiosi divenne mancino in età adulta, in seguito ad un incidente che gli rese difficoltoso l'uso della mano destra. Questa teoria spiegherebbe, almeno in parte, la scrittura speculare utilizzata da Leonardo in molti dei suoi codici.
Essere mancini ha comunque anche numerosi svantaggi, soprattutto di tipo pratico: utilizzare una forbice, un coltello o suonare uno strumento può essere davvero problematico.
Ma oggi è possibile trovare in commercio attrezzi da cucina, rasoi e altri oggetti specificamente realizzati per essere maneggiati con la mano sinistra.

Tra i mancini famosi non mancano i personaggi "negativi": tra questi Henry McCarty (1859-1881), meglio noto come Billy the Kid, uno dei fuorilegge più famosi di tutto il west. Accusato di aver assassinato oltre 21 uomini, fu ucciso dallo sceriffo Pat Garret dopo essere sfuggito all'impiccagione.
Non particolarmente noto durante la sua breve vita, Billy the Kid divenne una leggenda dopo la sua morte, in seguito alla pubblicazione del libro "La vera storia di Billy the Kid" scritta dallo stesso Garret.
L'ipotesi che McCarty fosse mancino nasce da questa immagine, un ferrotipo senza data che è anche l'unico ritratto esistente del fuorilegge, nel quale lo si vede con la pistola all'anca sinistra. Secondo alcuni storici però questo ferrotipo sarebbe in realtà stato stampato al contrario e non esisterebbero quindi prove certe del suo essere mancino.

Criminali per finta o per davvero? Scopri quanto ne sai di cinema e malavita in questo test

Vi siete mai domandati se il vostro gatto o il vostro cane sono destri o mancini? Già, perché il mancinismo non è solo dell'uomo ma può riguardare anche i nostri amici a quattro zampe.
Volete saperne di più? Proseguite la lettura qui

Più creativi, più abili, più ricchi: dopo secoli di repressione - fino a non molti anni fa i mancini venivano corretti imponendogli, a scuola, l'utilizzo della mano destra - chi scrive con la sinistra può finalmente prendersi una rivincita. Numerosi studi hanno infatti confermato che i mancini, il 10% circa della popolazione, hanno una marcia in più per poter battere i destrimani in numerosi ambiti. 
Ma che cos'è il mancinismo? Si tratta di una prevalenza dell’uso dell’emisfero destro del cervello in alcune attività: i mancini quindi, oltre ad utilizzare di più la mano sinistra, usano di più occhio e orecchio sinistri.
Oltre ad Albert Einstein (mancino corretto, come era prassi all'epoca) chi sono i mancini famosi? In quali campi hanno eccelso? E soprattutto... è proprio vero che sono sono più intelligenti?