Il paradosso dell'obesità nelle terapie anticancro
L'essere gravemente sovrappeso è tra i principali fattori di rischio per lo sviluppo di tumori, e allo stesso tempo sembra rendere più efficaci alcuni tipi di immunoterapia. Come è possibile?
Londra: chi cresce nello smog ha polmoni ridotti
I bambini esposti ai fumi delle emissioni diesel crescono con una capacità polmonare inferiore del 5%: un problema che predispone ad asma e malattie respiratorie per il resto della vita.
Lo stato di salute dell'umanità
Fertilità in calo, diminuzione della mortalità in stallo e la prevalenza di malattie croniche, epidemie e violenza come cause primarie di cattiva salute: il polso del "paziente Uomo" su The Lancet.
ABBONATI

SCARICA L’APP

iOS Android Amazon

Stare seduti troppo tempo danneggia il cervello
Una vita sedentaria danneggia non solo l'umore, ma anche il cervello. Una nuova ricerca conferma ciò che già altri studi avevano detto: trascorrere troppe ore alla scrivania fa male.
Si diventa più bassi dai 30 anni in poi?
A che età cominciamo ad accorciarci? Quanti centimetri perdiamo durante la vita? Questo processo si può arrestare?
Il segreto della felicità? Fare sport
Secondo un recente studio possono bastare 10 minuti di attività fisica alla settimana perché l'umore migliori sensibilmente (ma attenzione: la regola non vale per tutti!)
L'alcol? Se si sgarra, è pericoloso quanto il fumo
Un bicchiere di vino a pasto è tutta salute? Non per un importante studio pubblicato su The Lancet, secondo cui ogni bicchiere extra rispetto alla dose massima consigliata accorcia la vita di 30 minuti.
I nottambuli a rischio di morte prematura?
C'è una correlazione tra l'abitudine di andare a letto tardi la sera e alcune complicazioni per la salute: imporsi ritmi diversi da quelli che il corpo richiede alla lunga danneggia l'organismo.
I cibi che davvero servono al tuo cervello
Qual è il nutriente essenziale per il funzionamento del cervello? E il cibo che potrebbe prevenire l'Alzheimer? E, soprattutto, al cervello davvero serve lo zucchero?
Rivedere i criteri per diagnosticare l'Alzheimer
Per poter sperimentare i farmaci in maniera più efficace, gli esperti chiedono di cambiare il modo in cui si diagnostica il morbo d'Alzheimer: non più in base ai sintomi, ma su parametri biologici oggettivi. 
Cibo: se il packaging non piace all'intestino
Le nanoparticelle di ossido di zinco che aiutano a conservare alcuni alimenti in lattina potrebbero essere trasferite al cibo e attraverso di esso all'apparato digerente, a cui non sembrano fare bene.