Alzheimer: il circolo vizioso della beta-amiloide
Quando gli accumuli della proteina distruggono le sinapsi, i neuroni producono nuove quantità di questa sostanza, e la strage si perpetua: ecco forse perché i trial di farmaci falliscono.
Contro la malaria conviene proteggere le zanzare
Farmaci mirati a impedire la trasmissione del parassita dall'uomo agli insetti vettori potrebbero interrompere il ciclo di vita e di replicazione del plasmodio. Prima che altri vengano infettati.
Qual è il cibo più adatto per uno sportivo?
Secondo i nutrizionisti, il frutto perfetto per chi fa sport è l'avocado. Ecco perché. 
Smog: causa il doppio dei morti stimati finora
Una nuova stima fa passare da 4,2 milioni a 8,9 milioni le vittime che l’inquinamento fa ogni anno nel mondo. 
ABBONATI

SCARICA L’APP

iOS Android Amazon

La memoria dei batteri
Le informazioni sensoriali utili ad aderire alle superfici vengono comunicate alle popolazioni di cellule successive: buono a sapersi, per chi combatte la resistenza agli antibiotici.
Se ingrassi, non incolpare la pasta
Un nuovo studio scagiona (quasi del tutto) la pasta dall'accusa di principale attentatrice della linea.
Il pericolo si nasconde in bagno!
Il sapone, le salviette e sì, anche le paperelle di gomma: germi e batteri le adorano!
Nuove cellule nervose anche nei cervelli adulti
Il dibattito su neurogenesi e invecchiamento sembra non avere mai fine: un nuovo studio afferma che la formazione di neuroni non diminuisce nel cervello con l'età.
Alzheimer: il poco che sappiamo
Tra delusioni e speranze, la ricerca sulle demenze è a un punto di svolta: le aziende farmaceutiche rinunciano a cercare nuovi farmaci, mentre gli istituti di ricerca provano nuove strade.
Torna a Mantova il Food&Science Festival
Dal 18 al 20 maggio si rinnova l'appuntamento a Mantova: oltre 100 eventi tra scienza, tradizione e innovazione, tutti dedicati al cibo.
Alzheimer: occhi puntati sulla proteina tau
Una popolazione colombiana geneticamente predisposta all'insorgenza prematura della malattia sarà tra le prime coinvolte negli studi sull'accumulo della sostanza, il cui ruolo è ancora poco noto.
Mangia poco, invecchierai meno
I vantaggi della restrizione calorica (non per mancanza o rinuncia al cibo) valgono anche per noi, non solo per gli animali da laboratorio: il giusto è 15-20% in meno.