Salute

Zika e microcefalia: la prova finale

Anche i test su animali ribadiscono il legame fra l'infezione e la grave malformazione. Era la sola conferma che ancora mancava.

Una ricerca condotta su topi e pubblicata su Nature dimostra che i piccoli nati da madri infettate da Zika durante la gravidanza hanno un ritardo nella crescita e gravi danni cerebrali, che richiamano quelli osservati nei figli delle donne colpite dall'infezione in Brasile. La dimostrazione sugli animali era l'ultima prova che mancava alle indagini che finora hanno collegato il virus alla microcefalia, e rappresenta quindi la conferma definitiva.

dalla madre al feto. Nello studio pubblicato su Nature questa settimana, i ricercatori dell'Università di San Paolo e di altri istituti, per lo più brasiliani, hanno inoculato nelle topoline incinte l'agente infettivo, isolato da un malato. I loro piccoli avevano uno sviluppo ridotto del cervello, in particolare nella zona della corteccia, e altre caratteristiche riconducibili a un danno neurologico avvenuto nella prima parte della gravidanza. Inoltre, tracce del virus sono state trovate in diversi tessuti.

Questi fenomeni non si sono osservati in una seconda serie di test, che ha analizzato i piccoli nati da topoline appartenenti a una varietà diversa, ma anch'esse infettate con Zika quando erano incinte. I ricercatori ritengono che a proteggerli possa essere stato il sistema immunitario particolarmente reattivo in questo ceppo, che potrebbe aver annientato l'agente infettivo prima che attraversasse la placenta.

staminali ko. Con esperimenti in laboratorio, il gruppo di ricercatori ha anche dimostrato che il virus infetta le cellule progenitrici dei neuroni, che dovrebbero dare origine alle altre cellule cerebrali, impedendo così il corretto sviluppo del cervello. Questi test sono stati condotti in laboratorio, su tessuto nervoso ottenuto a partire da staminali.

nuova variante. Anche se Zika ha determinato in passato altre piccole epidemie, in Africa e in micronesia, la microcefalia non era mai stata osservata prima. Gli scienziati ipotizzano quindi che la malformazione possa essere legata al tipo di virus che si è diffuso in Brasile, leggermente diverso da quelli che circolano altrove.

12 maggio 2016 Margherita Fronte
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cent'anni fa, la scoperta del secolo: la tomba di Tutankhamon – l'unica ritrovata intatta nella Valle dei Re - svelò i suoi tesori riempendo di meraviglia gli occhi di Howard Carter prima, del mondo intero poi. Alle sepolture più spettacolari di ogni epoca è dedicato il primo piano di Focus Storia. E ancora: la guerra di Rachel Carson, la scienziata-scrittrice pioniera dell'ambientalismo; i ragazzi italiani assoldati nella Legione Straniera e mandati a morire in Indocina; Luigi Ferri, uno dei pochi bambini sopravvissuti ad Auschwitz, dopo lunghi anni di silenzio, si racconta.

ABBONATI A 29,90€

L'amore ha una scadenza? La scienza indaga: l’innamoramento può proseguire per tre anni. Ma la fase successiva (se ci si arriva) può continuare anche tutta la vita. E l'AI può dirci quanto. E ancora, Covid: siamo nel passaggio dalla fase di pandemia a quella endemica; le storie geologiche delle nostre spiagge; i nuovi progetti per proteggere le aree marine; tutti i numeri dei ghiacciai del mondo che stanno fondendo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us