Salute

Zika e microcefalia: la prova finale

Anche i test su animali ribadiscono il legame fra l'infezione e la grave malformazione. Era la sola conferma che ancora mancava.

Una ricerca condotta su topi e pubblicata su Nature dimostra che i piccoli nati da madri infettate da Zika durante la gravidanza hanno un ritardo nella crescita e gravi danni cerebrali, che richiamano quelli osservati nei figli delle donne colpite dall'infezione in Brasile. La dimostrazione sugli animali era l'ultima prova che mancava alle indagini che finora hanno collegato il virus alla microcefalia, e rappresenta quindi la conferma definitiva.

dalla madre al feto. Nello studio pubblicato su Nature questa settimana, i ricercatori dell'Università di San Paolo e di altri istituti, per lo più brasiliani, hanno inoculato nelle topoline incinte l'agente infettivo, isolato da un malato. I loro piccoli avevano uno sviluppo ridotto del cervello, in particolare nella zona della corteccia, e altre caratteristiche riconducibili a un danno neurologico avvenuto nella prima parte della gravidanza. Inoltre, tracce del virus sono state trovate in diversi tessuti.

Questi fenomeni non si sono osservati in una seconda serie di test, che ha analizzato i piccoli nati da topoline appartenenti a una varietà diversa, ma anch'esse infettate con Zika quando erano incinte. I ricercatori ritengono che a proteggerli possa essere stato il sistema immunitario particolarmente reattivo in questo ceppo, che potrebbe aver annientato l'agente infettivo prima che attraversasse la placenta.

staminali ko. Con esperimenti in laboratorio, il gruppo di ricercatori ha anche dimostrato che il virus infetta le cellule progenitrici dei neuroni, che dovrebbero dare origine alle altre cellule cerebrali, impedendo così il corretto sviluppo del cervello. Questi test sono stati condotti in laboratorio, su tessuto nervoso ottenuto a partire da staminali.

nuova variante. Anche se Zika ha determinato in passato altre piccole epidemie, in Africa e in micronesia, la microcefalia non era mai stata osservata prima. Gli scienziati ipotizzano quindi che la malformazione possa essere legata al tipo di virus che si è diffuso in Brasile, leggermente diverso da quelli che circolano altrove.

12 maggio 2016 Margherita Fronte
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us