Salute

Vietato 'dopare l'amore', alcol e droghe non migliorano performance

Urologi avvertono, gli artifici prolunga-durata rischiano di infiammarla

Riccione, 12 ott.(AdnKronos Salute) - Anche l'amore ha suoi tempi, e cercare di 'forzarli' può mettere a rischio la salute maschile: "E' stato scientificamente dimostrato che la durata media, naturale e fisiologica di un rapporto sessuale è pari a 6,7 minuti", preliminari esclusi. "Dal momento della penetrazione a quello del piacere", dunque, è questa la 'misura giusta' della passione secondo una ricerca firmata da Vincenzo Mirone, segretario generale della Società italiana di urologia (Siu) riunita in Congresso nazionale a Riccione.

Lo studio, pubblicato sulla rivista internazionale 'European Urology', si chiama Pause e ha coinvolto oltre 10 mila pazienti arruolati in vari centri del mondo per valutare gli effetti della dapoxetina, farmaco italiano contro l'eiaculazione precoce che colpisce nel nostro Paese 4 milioni di uomini. "E' emerso appunto che, in condizioni di normalità - precisa Mirone - la durata di media di un rapporto è di poco inferiore ai 7 minuti. Ciò significa che questo va considerato il tempo fisiologico dell'amore".

E sfidare la natura non conviene, ammonisce lo specialista: "Cercare di prolungare questa durata, ricorrendo troppo spesso ad artifici per 'resistere' come ad esempio il coito interrotto e poi ripreso, può provocare un'iper-disensione della prostata e scatenare infiammazioni".

Mirone ricorda che alcune sostanze da abuso (alcol, cocaina, marijuana) possono 'dopare' la performance e allungare oltre i limiti la durata del rapporto. Al di là dei danni prodotti dall'assunzione, però, nemmeno l'eros ne guadagna: "Queste sostanze - avverte infatti l'urologo - agiscono aumentando l'eccitazione maschile, ma riducono la capacità di tradurla in una prestazione 'resistente' e di qualità".

12 ottobre 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us