Salute

Vietato 'dopare l'amore', alcol e droghe non migliorano performance

Urologi avvertono, gli artifici prolunga-durata rischiano di infiammarla

Riccione, 12 ott.(AdnKronos Salute) - Anche l'amore ha suoi tempi, e cercare di 'forzarli' può mettere a rischio la salute maschile: "E' stato scientificamente dimostrato che la durata media, naturale e fisiologica di un rapporto sessuale è pari a 6,7 minuti", preliminari esclusi. "Dal momento della penetrazione a quello del piacere", dunque, è questa la 'misura giusta' della passione secondo una ricerca firmata da Vincenzo Mirone, segretario generale della Società italiana di urologia (Siu) riunita in Congresso nazionale a Riccione.

Lo studio, pubblicato sulla rivista internazionale 'European Urology', si chiama Pause e ha coinvolto oltre 10 mila pazienti arruolati in vari centri del mondo per valutare gli effetti della dapoxetina, farmaco italiano contro l'eiaculazione precoce che colpisce nel nostro Paese 4 milioni di uomini. "E' emerso appunto che, in condizioni di normalità - precisa Mirone - la durata di media di un rapporto è di poco inferiore ai 7 minuti. Ciò significa che questo va considerato il tempo fisiologico dell'amore".

E sfidare la natura non conviene, ammonisce lo specialista: "Cercare di prolungare questa durata, ricorrendo troppo spesso ad artifici per 'resistere' come ad esempio il coito interrotto e poi ripreso, può provocare un'iper-disensione della prostata e scatenare infiammazioni".

Mirone ricorda che alcune sostanze da abuso (alcol, cocaina, marijuana) possono 'dopare' la performance e allungare oltre i limiti la durata del rapporto. Al di là dei danni prodotti dall'assunzione, però, nemmeno l'eros ne guadagna: "Queste sostanze - avverte infatti l'urologo - agiscono aumentando l'eccitazione maschile, ma riducono la capacità di tradurla in una prestazione 'resistente' e di qualità".

12 ottobre 2015 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Oggi il presidente ucraino Zelensky, ieri l'imperatore Claudio, la contessa-guerriera Caterina Sforza, il sindacalista Lech Walesa, il sovrano Giorgio VI... Tutti leader per caso (o per forza) che le circostanze hanno spinto a mettersi in gioco per cambiare il corso della Storia. E ancora: nella Urbino di Federico da Montefeltro, un grande protagonista del Rinascimento; 30 anni fa, la morte di Giovanni Falcone a Capaci; lo scandalo Watergate che costrinse il presidente Nixon alle dimissioni; i misteri, mai risolti, attorno all'omicidio di Giovanni Borgia.

ABBONATI A 29,90€

Il mare è vita eppure lo stiamo sfruttando e inquinando rischiando il collasso dell’ecosistema globale. Per salvarlo dobbiamo intervenire. Come? Inoltre: perché è difficile prendere decisioni; esiste l'archivio globale dei volti; come interagire con complottisti e negazionisti; perché i traumi di guerra sono psicologicamente pesanti.

ABBONATI A 31,90€
Follow us