Salute

Veronesi: da Boschi a Martina, le istituzioni all'ultimo addio all'oncologo

Milano, cominciata la cerimonia laica a Palazzo Marino

Milano, 11 nov. (AdnKronos Salute) - Anche il ministro delle Riforme, Maria Elena Boschi, e il ministro delle Politiche agricole, Maurizio Martina, sono arrivati a Palazzo Marino, sede del Comune di Milano, per presenziare alla cerimonia laica per l'oncologo Umberto Veronesi.

Poco tempo prima aveva raggiunto la famiglia Emma Bonino, che interverrà durante la commemorazione, dopo il sindaco di Milano Giuseppe Sala, e il figlio dello scienziato Paolo Veronesi. Fra gli altri interventi previsti quelli del direttore Ricerca dell'Istituto europeo di oncologia, Pier Giuseppe Pelicci e della nipote di Veronesi Elena, figlia di Paolo. Ad aprire la cerimonia l'omaggio musicale del figlio di Veronesi, Alberto, con piano e arpa.

Tanti i politici presenti per l'ultimo addio allo scienziato: fra gli altri ci sono gli ex sindaci di Milano Gabriele Albertini e Carlo Tognoli, l'ex sindaco di Torino Piero Fassino, il vice segretario del Pd Lorenzo Guerini. Dal mondo delle imprese e della finanza, tra la folla, Marco Tronchetti Provera accompagnato dalla moglie Afef Jnifen. E poi ci sono i vertici dell'Ieo, dell'Istituto nazionale tumori e di tante altre strutture sanitarie lombarde, e le associazioni impegnate nella lotta al cancro.

Fino a dopo le 10 continuava ancora la processione di cittadini alla camera ardente. Davanti alla bara dell'oncologo i mazzi di fiori delle pazienti. Su uno di questi c'è anche una foto, un selfie di una paziente sorridente scattato davanti alla foto dello scienziato. Dietro, le corone di fiori inviate dalle istituzioni.

11 novembre 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us