Salute

Veronesi: da Boschi a Martina, le istituzioni all'ultimo addio all'oncologo

Milano, cominciata la cerimonia laica a Palazzo Marino

Milano, 11 nov. (AdnKronos Salute) - Anche il ministro delle Riforme, Maria Elena Boschi, e il ministro delle Politiche agricole, Maurizio Martina, sono arrivati a Palazzo Marino, sede del Comune di Milano, per presenziare alla cerimonia laica per l'oncologo Umberto Veronesi.

Poco tempo prima aveva raggiunto la famiglia Emma Bonino, che interverrà durante la commemorazione, dopo il sindaco di Milano Giuseppe Sala, e il figlio dello scienziato Paolo Veronesi. Fra gli altri interventi previsti quelli del direttore Ricerca dell'Istituto europeo di oncologia, Pier Giuseppe Pelicci e della nipote di Veronesi Elena, figlia di Paolo. Ad aprire la cerimonia l'omaggio musicale del figlio di Veronesi, Alberto, con piano e arpa.

Tanti i politici presenti per l'ultimo addio allo scienziato: fra gli altri ci sono gli ex sindaci di Milano Gabriele Albertini e Carlo Tognoli, l'ex sindaco di Torino Piero Fassino, il vice segretario del Pd Lorenzo Guerini. Dal mondo delle imprese e della finanza, tra la folla, Marco Tronchetti Provera accompagnato dalla moglie Afef Jnifen. E poi ci sono i vertici dell'Ieo, dell'Istituto nazionale tumori e di tante altre strutture sanitarie lombarde, e le associazioni impegnate nella lotta al cancro.

Fino a dopo le 10 continuava ancora la processione di cittadini alla camera ardente. Davanti alla bara dell'oncologo i mazzi di fiori delle pazienti. Su uno di questi c'è anche una foto, un selfie di una paziente sorridente scattato davanti alla foto dello scienziato. Dietro, le corone di fiori inviate dalle istituzioni.

11 novembre 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us