Salute

Il vaccino contro il rotavirus potrebbe ridurre l'incidenza di diabete giovanile

In Australia, è stata osservata una correlazione tra una campagna di immunizzazione a tappeto contro il virus responsabile di gastroenteriti e un'importante riduzione dell'incidenza di diabete di tipo 1 nei bambini sotto i 5 anni.

Il vaccino contro il rotavirus potrebbe proteggere anche dall'insorgenza del diabete di tipo 1: la notizia di una possibile correlazione arriva dall'Australia e potrebbe avere a che fare con l'imponente campagna di immunizzazione intrapresa dal Paese (che con i vaccini ha anche praticamente sconfitto il tumore al collo dell'utero).

Una piacevole sorpresa. Il diabete mellito di tipo 1 è una malattia autoimmune che esordisce durante l'infanzia o l'adolescenza e che comporta la progressiva distruzione delle cellule beta del pancreas, deputate alla produzione di insulina (un ormone ha il compito di regolare l'utilizzo di glucosio da parte delle cellule). Questa malattia è in aumento in tutto il mondo, ma in Australia, per la prima volta dal 1980, la sua incidenza sarebbe in calo.

Il declino sembra essere cominciato subito dopo l'introduzione di una vaccinazione obbligatoria contro il rotavirus, un virus responsabile di gastroenteriti con diarrea severa e disidratazione nei neonati e nei bambini di età inferiore ai 5 anni. In Australia, il vaccino orale contro il rotavirus è stato introdotto nel protocollo di immunizzazione standard dei neonati nel 2007.

Quando i ricercatori dell'Università di Melbourne hanno confrontato l'incidenza di diabete di tipo 1 nei bambini, 8 anni prima e 8 anni dopo l'inizio della campagna vaccinale, hanno notato una riduzione del 14% della malattia nei bambini di età compresa tra 0 e 4 anni, ma nessun cambiamento in quelli dai 5 ai 14 anni. Secondo i ricercatori, la differenza sta nel fatto che i bambini più piccoli sono nati dopo l'introduzione del vaccino, che deve essere somministrato prima dell'esposizione al virus per avere effetto (su questo tema vedi anche: come funziona l'immunità di gregge).

Stesso bersaglio. Quella che per ora è soltanto una correlazione (un'eventuale relazione causa-effetto tra vaccino e protezione dal diabete è ancora da dimostrare) si aggiunge a un particolare osservato 20 anni fa: ci sarebbe un'associazione tra la comparsa dei marcatori immunitari del diabete di tipo 1 nei bambini e l'infezione da rotavirus.

Il rotavirus infetta le cellule pancreatiche intercettando un recettore sulla loro superficie, e può scatenare un attacco immunitario contro le cellule che producono insulina - un attacco simile a quello che si verifica nel diabete di tipo 1. Il vaccino contro il rotavirus ostacola questo processo: ecco perché potrebbe ridurre l'incidenza di diabete giovanile.

25 gennaio 2019 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us