Salute

Vaccino anti-covid della Pfizer: che cosa vuol dire 90% di efficacia?

Che cosa significa, se venisse confermato, il dato sull'efficacia del vaccino covid diffuso dalla Pfizer? Quanto sono efficaci gli altri vaccini noti?

Secondo il comunicato diffuso il 9 novembre dall'azienda farmaceutica Pfizer, il suo candidato vaccino anti-covid pare avere un'efficacia del 90% nelle sperimentazioni di fase 3. Che cosa significa, esattamente? In sintesi, e per semplificare, vuol dire che se si vaccinano 10 persone esposte al contagio da CoViD-19, solo una su 10 contrarrà l'infezione. La realtà dei fatti è però più complessa di così.

Quale efficacia? La Food and Drug Administration, l'ente che negli USA vigila sulla sicurezza e l'efficacia dei farmaci, ha posto come soglia minima per presentare domanda di approvazione di un vaccino anti-covid il 50% di efficacia, anche se altri enti, a partire dall'OMS, sperano in valori attorno al 70%.

L'efficacia di un vaccino misura la riduzione dell'infezione nei volontari vaccinati in confronto a quelli che hanno ricevuto un placebo. Un'efficacia del 50% significa che chi ha ricevuto un vaccino corre un rischio dimezzato di contrarre l'infezione rispetto a un non vaccinato con caratteristiche ed esposizione simili.

Esistono in realtà diversi tipi di efficacia: quella che misura la capacità di prevenire del tutto l'infezione (la più difficile da raggiungere); quella che misura la capacità di prevenire la malattia con i suoi sintomi (ma non necessariamente il contagio) e quella che misura la capacità di prevenire le forme gravi di infezione e i ricoveri ospedalieri. La maggior parte delle sperimentazioni in fase avanzata misura l'efficacia nel prevenire la malattia come obiettivo primario, e gli altri due parametri come traguardi secondari. Bisogna poi capire quanto duri la protezione offerta e per quali soggetti valga l'efficacia stimata.

Un vaccino che prevenga l'infezione avrebbe come gradito effetto non secondario anche quello di impedire la malattia e le sue forme più gravi; ma un vaccino che prevenga la malattia non necessariamente impedirebbe anche i contagi (e imporrebbe, per esempio, di continuare a usare la mascherina). Già assicurarsi un vaccino che prevenga le forme gravi di covid, specialmente negli anziani, sarebbe un traguardo importantissimo.

La fine dell'era covid? Con un vaccino efficace al 50%, anche se si immunizzassero tutti gli abitanti della Terra rimarrebbero abbastanza individui suscettibili per permettere al coronavirus SARS-CoV-2 di continuare a circolare. Invece, con un vaccino efficace al 90%, immunizzando il 60-70% della popolazione mondiale si potrebbe fermare del tutto la trasmissione del virus.

Efficacia dei vaccini

Influenza stagionale: 40-60%

Morbillo: 97%

Vaiolo: 95%

Varicella: 92%

Polio: 99%

 

Per fare un paragone, il vaccino per l'influenza ha un'efficacia massima stimata del 60% (meno nel caso degli anziani), quello contro la parotite dell'88%: nel box qui sopra trovate l'efficacia di alcuni vaccini già utilizzati.

Per migliorare la diffusione del vaccino anti-covid, si potrebbe pensare di abbinare la sua diffusione a incentivi economici: secondo alcuni economisti, questo potrebbe convincere anche chi superficialmente ritiene di non avere benefici personali diretti a sottoporsi al vaccino, a vaccinarsi comunque.

10 novembre 2020 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us