Salute

Vaccino di Oxford: niente da fare per la versione spray nasale

Deludono i primi test sull'uomo della versione intranasale del vaccino di Oxford e AstraZeneca: gli anticorpi anticovid sollecitati sono troppo pochi.

Chi sperava di avere presto a disposizione, anche nel Vecchio Continente, una formula spray dei più comuni vaccini anti-covid dovrà aspettare. I test clinici sulla versione intranasale del vaccino di Oxford e AstraZeneca hanno subìto una brusca battuta d'arresto dovuta alla scarsa efficacia di questa modalità di somministrazione nell'uomo. Le basse performance del preparato nello scatenare una risposta immunitaria costringeranno a rivedere formulazione e dosaggi o a puntare su strumenti più avanzati di una semplice pompetta per far arrivare il vaccino nelle vie respiratorie profonde.

Arginare l'infezione sul nascere. Anche se i vaccini anti-covid attualmente disponibili (incluso il vaccino di Oxford) sono estremamente efficaci nel prevenire la malattia grave, il ricovero e il decesso, non lo sono altrettanto nel bloccare il semplice contagio. Per questo dall'inizio della pandemia si guarda con interesse ai vaccini intranasali, più facili da somministrare anche senza assistenza medica e potenzialmente in grado di bloccare la trasmissione del virus, perché agiscono proprio nel punto in cui il SARS-CoV-2 attacca l'organismo, prima che il patogeno possa diffondersi. La strada per svilupparli non è però priva di intoppi.

pochi anticorpi. Gli scienziati dell'Oxford's Jenner Institute hanno testato l'efficacia del vaccino ChAdOx1 (il vaccino di Oxford-AstraZeneca) ridotto in spray su una trentina di volontari ancora non vaccinati. Altre 12 persone l'hanno ricevuto come booster. Questo trial di fase 1 non ha evidenziato problemi di sicurezza: il vaccino è stato ben accettato senza effetti collaterali. Ha però prodotto una risposta immunitaria «debole e inconsistente, insufficiente - scrivono i ricercatori sulla rivista scientifica eBioMedicine - a garantire un futuro sviluppo dell'attuale combinazione formula per device». Significa che, così com'è, non funziona e che occorre intervenire o sulla formulazione stessa del vaccino o sul modo in cui lo si somministra.

Insuccesso anche nel naso. Il team ha misurato gli anticorpi mucosali (cioè nel tratto respiratorio) e sistemici (nella circolazione sanguigna: quelli normalmente indotti dai vaccini iniettabili). Un singolo "puff" di vaccino intranasale ha avuto scarsa efficacia anche nella produzione dei primi; dopo due spruzzate invece, una manciata di volontari presentava anticorpi mucosali, ma a livelli di poco superiori a quelli sollecitati da una normale infezione da SARS-CoV-2. Quanto agli anticorpi sistemici, ad appena un mese dal vaccino spray sono stati rilevati in pochi volontari, e in quantità decisamente inferiori a quelle scatenate dallo stesso vaccino per iniezione.

Che cosa è andato storto? Un problema potrebbe derivare dal fatto che le goccioline spruzzate finiscono più che altro in bocca e da lì nello stomaco, dove si degradano velocemente.

Bisognerebbe allora riformulare il vaccino o rivedere il dosaggio in modo che si fermi preferibilmente nelle vie respiratorie, dove gli si chiede di agire. Un'altra strategia potrebbe essere cambiare gli strumenti di "consegna" del vaccino, e provare a somministrarlo con un nebulizzatore che lo faccia arrivare nelle vie respiratorie profonde, direttamente nei polmoni. In un certo senso, quindi, il trial è stato utile, perché ha fornito indicazioni su come proseguire.

I concorrenti nel mondo. Di recente sono stati approvati per l'uso due vaccini anti-covid intranasali. La Cina somministra il booster del vaccino CanSino con un nebulizzatore che trasforma la versione liquida iniettabile in una nebbiolina da respirare. Mentre l'azienda farmaceutica indiana Bharat Biotech di Hyderabad ha sviluppato un vaccino intranasale da consegnare in gocce in due fasi.

12 ottobre 2022 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us