Salute

Da Moderna: un altro vaccino super efficace

Un altro candidato vaccino per covid a mRNA potrebbe rivelarsi altamente efficace ed essere più facilmente conservabile di quello di Pfizer-BioNTech.

Un altro strumento prezioso si prepara a scendere in campo contro la CoViD-19: l'azienda di biotecnologie statunitense Moderna ha fatto sapere che il suo candidato vaccino anti-covid sembra avere un'efficacia del 94,5%, un valore paragonabile e persino superiore a quello dichiarato pochi giorni fa da Pfizer e BioNTech. La notizia, che anche questa volta è arrivata attraverso un comunicato stampa e che quindi dovrà essere confermata da dati scientifici, accresce la speranza di poter aggredire la pandemia con diverse armi e fa ben sperare per diverse ragioni.

Il corpo fa da solo. Anche il vaccino di Moderna, come quello di Pfizer e BioNTech, è un vaccino a mRNA. Questa tecnologia prevede l'introduzione nell'organismo della sequenza genetica necessaria per la produzione della proteina Spike che il coronavirus sfrutta per entrare nelle cellule. Il corpo usa queste istruzioni per creare la propria versione della proteina e, quando questa viene riconosciuta dal sistema immunitario, si scatena la produzione di anticorpi anche se non vi è stata alcuna infezione.

Il dato sui casi gravi. I risultati provengono da un'analisi intermedia del trial di Fase 3, una sperimentazione del vaccino condotta su oltre 30.000 volontari nella quale si sono registrati 95 casi di infezione, 90 dei quali in persone che appartenevano al gruppo di controllo e non avevano ricevuto il vaccino ma un placebo. A differenza della Pfizer, la Moderna ha reso noti i dati sui casi gravi di covid: nel corso dello studio ne sono stati registrati 11, tutti nel gruppo di controllo, e dunque non vaccinati. Questo candidato vaccino sembra quindi proteggere dai casi gravi di covid.

il nodo della distribuzione. Un altro particolare importante riguarda le condizioni di conservazione, tra i maggiori ostacoli alla distribuzione dei delicati vaccini a mRNA: il candidato vaccino di Moderna si mantiene stabile a -20 °C (e non a -70 °C come quello della Pfizer) e una volta scongelato resisterebbe per 30 giorni in frigorifero e fino a 12 ore a temperatura ambiente. Se ciò fosse confermato, significherebbe avere la possibilità di vaccinare le persone anche negli studi medici, negli ospedali e nelle farmacie.

Una gradita conferma. Anche la Moderna dovrebbe richiedere l'autorizzazione per uso emergenziale alla FDA in poche settimane, e completare la domanda con i dati su due mesi di efficacia per almeno la metà dei soggetti studiati. L'azienda potrebbe produrre 20 milioni di dosi entro la fine dell'anno, ma anche se l'iter filasse del tutto liscio occorrerebbero comunque alcuni mesi per arrivare a una distribuzione su larga scala.

Il fatto che due diversi vaccini, di due diverse compagnie ma con la stessa tecnologia di base, abbiano dato risultati così promettenti e anche comparabili, è stato salutato come una buona notizia dagli addetti ai lavori: vorrebbe dire intanto dividere la fatica della produzione e, in futuro, poter usare questa piattaforma anche contro altre malattie (per approfondire).

buona notizia per gli altri vaccini. I risultati positivi dichiarati da Pfizer e Moderna fanno anche ben sperare per gli altri vaccini (sono una decina soltanto quelli in fase 3) che prendono tutti di mira la proteina Spike, evidentemente un obiettivo efficace. Se il successo dei due candidati vaccini fosse confermato, vorrebbe anche dire che il metodo scelto per misurare l'immunità nelle fasi precedenti delle sperimentazioni (ossia la misura dei livelli anticorpali dei partecipanti) è attendibile: con questa informazione, altri gruppi di lavoro potrebbero velocizzare la sperimentazione.

16 novembre 2020 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us