Salute

Vaccini: ritardare la seconda dose è in effetti una strategia efficace

La strategia all'inglese sembra valere anche per i vaccini di Pfizer e Moderna: rimandando la seconda dose si riducono infezioni, ricoveri e decessi.

Durante una pandemia, qual è la strategia vaccinale che permette di salvare più vite? Meglio conferire un qualche livello di protezione, seppure incompleto, alla platea più ampia possibile, o fornire una protezione più efficace a meno persone, ma vaccinate con entrambe le dosi? È un dilemma che ci accompagna dall'arrivo dei vaccini, e al quale i vari Paesi hanno risposto in modo diverso: il Regno Unito ha scommesso per esempio sulla singola dose per tutti, ritardando la seconda. Ma se per il vaccino di AstraZeneca, rimandare la seconda iniezione aumenta persino l'efficacia, i benefici di questa scelta per gli altri vaccini erano meno ovvi.

Simulazioni matematiche. Ora uno studio condotto negli USA e pubblicato su PLOS Biology suggerisce che anche per i vaccini di Pfizer e Moderna, che si somministrano in due dosi a tre e quattro settimane di distanza, ritardare la seconda possa essere un'efficace strategia di salute pubblica, utile a ridurre infezioni, ricoveri ospedalieri e decessi. Per confrontare il diverso impatto epidemiologico delle varie scelte, i ricercatori della York University di Toronto, in Canada, hanno elaborato un modello matematico che simulava la trasmissione della covid in vari contesti, in cui la seconda dose veniva ritardata di diversi intervalli.

Meno infezioni e meno morti. Il modello ha mostrato che cosa sarebbe accaduto partendo da diversi livelli di immunità pregressa e variando i livelli di diminuzione di efficacia della prima dose del vaccino quando slittava la seconda. Si è visto così che ritardare la seconda dose di vaccini a mRNA di un intervallo di tempo compreso tra 9 e 15 settimane ha evitato più contagi, ricoveri e decessi rispetto a seguire le attuali modalità di somministrazione. In particolare, per il vaccino di Moderna un intervallo di almeno 9 settimane (rispetto alle 4 attuali) potrebbe evitare almeno un ulteriore 17,3% di infezioni ogni 10.000 persone, scongiurare uno 0,69% aggiuntivo di ospedalizzazioni e lo 0,34% in più di decessi.
 
Per il vaccino di Pfizer-BioNTech, un intervallo di almeno 9 settimane permetterebbe di ridurre i ricoveri di un ulteriore 0,6% e i decessi di uno 0,32% aggiuntivo, rispetto all'attuale somministrazione a 3 settimane di distanza. Non è emerso invece un chiaro vantaggio nella riduzione delle infezioni, a meno che non si assuma che l'efficacia della prima dose rimanga invariata (senza scemare) nel tempo.

In emergenza, conviene. Lo studio ha alcuni grossi limiti, inclusa la mancanza di dati clinici che quantifichino con precisione l'efficacia e la durata di copertura dei vaccini somministrati con regimi diversi da quelli dei trial clinici.

Manca anche un quadro completo dell'efficacia delle dosi ritardate di fronte all'emergere di nuove varianti di SARS-CoV-2. Tuttavia, lo studio dimostra che quando si corre contro il tempo, come durante una pandemia, «dare la priorità alla copertura vaccinale con una rapida distribuzione della prima dose potrebbe essere cruciale per mitigare gli effetti avversi e permettere al sistema sanitario di far fronte anche alle necessità mediche non-covid della popolazione», scrivono gli autori.

22 aprile 2021 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us