Salute

I vaccini proteggono da Omicron?

Alcuni studi mostrano una riduzione nell'efficacia dei vaccini contro Omicron, ma è presto per dare risposte definitive, e anche l'OMS invita alla prudenza.

La variante Omicron sembra contagiare più facilmente chi è già completamente vaccinato con il vaccino di Pfizer, ma la dose di rinforzo sembra ristabilire alti livelli di anticorpi in grado di proteggere bene dall'infezione. È quanto emerge dai primi test condotti dalla stessa Pfizer - quindi da leggere con tutte le accortezze del caso -, che in un comunicato stampa ha annunciato inoltre che, se sarà necessario, per marzo 2022 avrà pronto un vaccino adattato alla variante Omicron.

I risultati dell'azienda farmaceutica non sono dissimili da quelli di due studi preliminari, uno sudafricano e uno tedesco, che hanno confermato una sostanziale riduzione della protezione contro Omicron da parte di diversi vaccini. Secondo Pfizer, in soggetti vaccinati con due dosi del loro vaccino la protezione degli anticorpi neutralizzanti sarebbe ridotta di 25 volte; questa riduzione, però, aumenterebbe della stessa quantità dopo una dose di rinforzo.

Non solo anticorpi. Gli esperti invitano alla prudenza: gli anticorpi, ricordano, non sono l'unica arma che il nostro sistema immunitario ha per proteggersi da un patogeno, e per questo una loro sostanziale riduzione non significa necessariamente una mancata protezione. Esistono anche le cellule T (che già in precedenza si erano mostrate efficaci nel combattere le varianti), che ci proteggono soprattutto dalle forme più gravi della malattia e sembrano non essere così colpite dalla variante Omicron.

L'opinione dell'OMS. Anche dall'OMS trapela scetticismo: «Penso sia prematuro saltare a conclusioni affrettate», ha dichiarato durante una conferenza stampa Soumya Swaminathan, direttrice scientifica dell'organismo, che sottolinea l'importanza di coordinare uno sforzo di ricerca globale, evitando di cercare risposte basate su singoli studi. «Queste ricerche sono state condotte su un numero troppo esiguo di persone, e hanno dato risultati molto diversi: alcuni parlano di riduzioni di quattro volte, altri di riduzioni di quaranta volte dell'attività anticorpale contro la variante». Insomma, è ancora troppo presto per fasciarsi la testa: solo con un numero maggiore di studi (e di persone coinvolte) potremo avere un quadro più chiaro della situazione.

11 dicembre 2021 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cent'anni fa, la scoperta del secolo: la tomba di Tutankhamon – l'unica ritrovata intatta nella Valle dei Re - svelò i suoi tesori riempendo di meraviglia gli occhi di Howard Carter prima, del mondo intero poi. Alle sepolture più spettacolari di ogni epoca è dedicato il primo piano di Focus Storia. E ancora: la guerra di Rachel Carson, la scienziata-scrittrice pioniera dell'ambientalismo; i ragazzi italiani assoldati nella Legione Straniera e mandati a morire in Indocina; Luigi Ferri, uno dei pochi bambini sopravvissuti ad Auschwitz, dopo lunghi anni di silenzio, si racconta.

ABBONATI A 29,90€

L'amore ha una scadenza? La scienza indaga: l’innamoramento può proseguire per tre anni. Ma la fase successiva (se ci si arriva) può continuare anche tutta la vita. E l'AI può dirci quanto. E ancora, Covid: siamo nel passaggio dalla fase di pandemia a quella endemica; le storie geologiche delle nostre spiagge; i nuovi progetti per proteggere le aree marine; tutti i numeri dei ghiacciai del mondo che stanno fondendo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us