Salute

Vaccini: parte petizione sul web contro obbligo in asili nido pubblici

Lanciata da associazione 'antivax' 4 giorni fa su Change.org e firmata da 4 mila persone

Milano, 20 set. (AdnKronos Salute) - Una petizione sul web contro "l'obbligo vaccinale per l'iscrizione agli asili nido". A lanciarla, 4 giorni fa attraverso la piattaforma online 'Change.org', è stato il Coordinamento del movimento italiano per la libertà delle vaccinazioni (Comilva), realtà 'antivax' molto attiva sulla Rete, che con l'iniziativa punta a fermare l'approvazione di disegni di legge - in cantiere in diverse regioni - che impongono la vaccinazione dei bebè come requisito per poter usufruire del servizio di asilo nido pubblico.

L'appello è indirizzato al ministro della Salute Beatrice Lorenzin, alle Giunte regionali di Emilia Romagna, Toscana, Lombardia e Sicilia, e al Dipartimento per le Pari Opportunità. E Change.org segnala in una nota che, al momento, è stato firmato da più di 4 mila persone.

Nel testo Comilva sostiene che "è in atto una campagna diffamatoria verso i medici, le associazioni e i singoli cittadini che hanno un atteggiamento critico verso le vaccinazioni. Questa campagna oggi tende a minare il diritto fondamentale all'accoglienza dei bambini nei servizi educativi della prima infanzia: alcune Tegioni si sono mosse in questo senso con disegni di legge" che, incalza il Coordinamento, "vorrebbero escludere i bambini non vaccinati dagli asili nido". I promotori della petizione parlano di "esclusione sociale" e di "diritto legale di esercitare la libertà di coscienza nella scelta delle terapie mediche", e ne approfittano per ricordare al popolo della Rete le motivazioni che, a loro dire, giustificherebbero la scelta di dire no ai vaccini.

20 settembre 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us