Salute

Che cosa succede se ci si ammala dopo i vaccini?

I vaccini proteggono anche nei rari casi in cui ci si infetta comunque. La carica virale è ridotta, la febbre meno frequente, e si guarisce in fretta.

Si parla spesso dell'efficacia dei vaccini nel proteggere dalle forme sintomatiche di covid, molto meno di altre loro fondamentali garanzie: la prima è quella di evitare i ricoveri ospedalieri - tutti i vaccini in circolazione sono completamente efficaci contro ospedalizzazioni e decessi. La seconda è la protezione che i vaccini offrono nel caso in cui ci si ammali comunque dopo aver completato il ciclo vaccinale. Un'eventualità rara ma non impossibile, perché il sistema immunitario non funziona per tutti allo stesso modo, e perché nessun vaccino fornisce una copertura del 100%.

Protetti anche nel caso peggiore. Uno studio pubblicato sul New England Journal of Medicine esplora proprio questi benefici secondari dei vaccini a mRNA. E lo fa concentrandosi su un gruppo di persone particolarmente a rischio di contagio perché spesso a contatto con pazienti covid: i lavoratori del settore sanitario. In base all'analisi coordinata da Mark G. Thompson, dei CDC di Atlanta (USA), nel caso ci si ammali comunque dopo i vaccini di Pfizer e Moderna, lo si fa con una carica virale ridotta, con un rischio più che dimezzato di avere la febbre e con la prospettiva di una più rapida guarigione.

Tamponi positivi. Il team ha coinvolto 3.975 persone, in gran parte lavoratori essenziali del contesto sanitario. Dal 14 dicembre 2020 al 10 aprile 2021 i partecipanti si sono sottoposti a tamponi settimanali per la ricerca del SARS-CoV-2. Il virus è stato individuato in 204 persone, cinque delle quali completamente vaccinate (oltre 14 giorni dopo la seconda dose), 11 parzialmente vaccinate (più di 14 giorni dalla prima dose o meno di 14 giorni dalla seconda dose), e 156 non vaccinate. Le 32 persone con uno status vaccinale incerto sono state escluse dallo studio.

Meno contagiosi e meno gravi. I vaccini hanno confermato, anche nel mondo reale e su soggetti molto esposti, un'efficacia del 91% dopo due dosi, e dell'81% dopo una. Nei vaccinati che hanno contratto comunque l'infezione, la carica virale (ossia il numero di copie di RNA del virus presenti in un millilitro di materiale biologico) era inferiore del 40% rispetto a quella rilevata nei non vaccinati: un'ottima notizia, perché questo valore è indicativo della probabilità dei positivi di diffondere il patogeno a loro volta. Nei vaccinati contagiati, il rischio di sintomi febbrili era inferiore del 58% rispetto a chi non aveva ricevuto i vaccini. E la durata della malattia è stata più breve, con 2,3 giorni in meno spesi a letto.

Come spiega su Twitter lo scienziato Eric Topol, lo studio è importante perché è la più ampia valutazione disponibile sulle infezioni "breakthrough" (quelle che accadono nei vaccinati).

 Innanzitutto, la frequenza di queste infezioni è molto bassa, e anche quando si verificano, procurano molti meno sintomi e durano meno. E tutto ciò riguarda persone altamente esposte al virus: in contesti più sicuri, dovrebbe andare ancora meglio.

6 luglio 2021 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us