Salute

Covid, la protezione offerta dai vaccini è protratta nel tempo

Riduzione netta di infezioni, ricoveri e decessi, e un'efficacia che sembra durare a lungo: i benefici dei vaccini nell'ultimo rapporto dell'ISS.

Siamo testimoni storici dell'importanza dei vaccini come presidio sanitario pubblico: ancora una volta, i dati dell'Istituto Superiore di Sanità fotografano l'impatto della campagna vaccinale in Italia, con un'impressionante riduzione di nuovi casi, ricoveri e decessi per covid in ogni fascia di età e una sempre più concreta speranza: quella di una protezione protratta nel tempo. Il secondo rapporto di analisi congiunta dei dati dell'anagrafe nazionale vaccini e della sorveglianza integrata COVID-19 (Istituto Superiore di Sanità e Ministero della Salute) si riferisce a circa 14 milioni di persone vaccinate con almeno una dose di qualunque vaccino, quasi un quarto della popolazione italiana.

Vite salvate. Come si legge nel documento, i rischi di contagio da covid, di ricovero, ammissione in terapia intensiva e decesso per infezione da SARS-CoV-2 diminuiscono rapidamente dopo le prime due settimane e fino a circa 35 giorni dopo la somministrazione della prima dose di un qualunque vaccino. A quel punto, la riduzione si stabilizza su livelli di cui stiamo in questi giorni osservando i frutti: meno 80% nel rischio di diagnosi, meno 90% di rischio di ricovero e ammissione in terapia intensiva, meno 95% di rischio di decesso.
 
Questa protezione è osservabile sia negli uomini sia nelle donne, in tutte le fasce di età, e anche nei contesti più a rischio come ospedali e RSA. L'analisi conferma i risultati già rilevati nel precedente rapporto, ma su numeri più grandi, che comprendono un maggior numero di vaccinati nella classe di età dai 40 anni in su.

Protetti a lungo. A differenza del precedente rapporto, quest'ultimo, che comprende dati fino al 30 maggio, ha continuato a studiare l'efficacia dei vaccini nel tempo: quel che emerge dai dati è che nel lungo periodo, a 105-112 giorni dalla vaccinazione, si osserva un nuovo "gradino", un'ulteriore riduzione del rischio di diagnosi, con un effetto simile negli uomini, nelle donne e in persone in diverse fasce di età. Fatto importante, non si rileva un aumento del rischio di diagnosi di covid nei 130 giorni successivi alla vaccinazione: la protezione offerta dai vaccini è protratta nel tempo e - dato che non si registra alcun cenno di diminuzione nel periodo considerato - potrebbe durare a lungo.

9 giugno 2021 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us