Salute

Usa verso legge contro dipendenza da antidolorifici

Roma, 12 lug. (AdnKronos Salute) - Ha causato la morte di star della musica come Prince e Michael Jackson. E ora gli Stati Uniti cercano di affrontare il preoccupante dilagare della dipendenza da farmaci antidolorifici oppioidi: la Camera dei Rappresentanti ha approvato un disegno di legge a sostegno di iniziative ad hoc e il Senato potrebbe fare lo stesso già questa settimana. Il testo, chiamato 'Comprehensive Addiction and Recovery Act', consentirà al governo federale di finanziare iniziative statali e locali come programmi di trattamento e prevenzione, indagini mirate sulla distribuzione illegale di questi medicinali e formazione di operatori del primo soccorso nel trattare overdose da oppiacei, ricorda 'New Scientist'.

Negli ultimi anni, la dipendenza da oppioidi ha raggiunto proporzioni epidemiche: secondo i National Institutes of Health, nel 2014 quasi 20.000 persone negli Stati Uniti sono morte di overdose da antidolorifici oppioidi su prescrizione. Secondo Caleb Alexander della Johns Hopkins University di Baltimora, "sono necessarie sia misure di prevenzione che di trattamento: i medici devono prescrivere meno oppioidi, mentre i programmi di trattamento delle dipendenze devono essere ampliati. Ma entrambe queste misure sono più facili a dirsi che a farsi".

La Camera dei Rappresentanti ha approvato a stragrande maggioranza la legge, con 407 voti a favore contro 5. Se anche il Senato lo approverà velocemente, il testo sarà poi sulla scrivania del presidente Obama per l'approvazione finale. Ma il dibattito riguarda anche i fondi garantiti per l'applicazione della legge: non 920 milioni di dollari come proposto dai democratici, bensì 'solo' 581.

12 luglio 2016 ADNKronos
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us