Salute

USA: l'alcol più letale delle droghe

Negli Stati Uniti il numero dei decessi dovuti all'abuso di alcol è raddoppiato in vent'anni, e triplicato per le donne.

Negli Stati Uniti l'alcol causa oggi più morti della droga: è quanto emerge da uno studio pubblicato su Alcoholism, che riporta che il numero di decessi dovuti all'abuso di alcol è più che raddoppiato dal 1999 al 2017, passando da 36.000 a quasi 73.000. Più dei morti per overdose, che nel 2017 (al culmine dell'epidemia da oppiacei) sono arrivati a circa 70.000. Nel 2017, il 2,6% dei cittadini statunitensi maggiori di sedici anni sarebbe deceduto a causa dell'alcol, contro l'1,5% del 1999.

Donne e libertà. Nella casistica, emerge il dato che riguarda le donne: nel 2017 circa 18.000 donne sono morte a causa dell'abuso di alcol, quasi il triplo rispetto al 1999, quando i decessi erano stati poco più di 7.500. «Più donne bevono, e bevono di più», afferma Patricia Powell, vicedirettrice del National Institute on Alcohol Abuse and Alcoholism (NIAAA): «pare quasi che l'emancipazione implichi che bere come un uomo sia liberatorio», tra l'altro senza pensare che a parità di quantità ingerita, l'alcol ha effetti più pesanti sulle donne.

Stime al ribasso. I ricercatori sottolineano il fatto che il numero di decessi potrebbe essere ampiamente sottostimato, poiché l'alcol spesso non viene citato nei certificati di morte anche quando è parzialmente o significativamente responsabile del decesso: questo avverrebbe quando i medici legali individuano una chiara causa di morte, come ad esempio un'anca rotta, e non pensano al motivo che potrebbe aver provocato la caduta.

Uno spiraglio di speranza. In tutto ciò gli studiosi rilevano anche una tendenza che fa ben sperare: l'elevato numero di morti per abuso di alcol sembra interessare maggiormente i cosiddetti "figli del baby boom" (i nati tra il 1946 e il 1964), mentre altri dati mostrano un calo nel consumo di alcol tra gli adolescenti americani. «Se la si guarda in modo più ottimistico, potremmo trovarci a un punto di svolta», afferma Powell: «i millennials potrebbero essere più interessati alla loro salute rispetto ai loro genitori.»

28 gennaio 2020 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Il racconto del decennio (1919-1929) che condusse un'Italia povera, ferita e delusa dalla Grande guerra nelle braccia di Mussolini. E ancora: distanziamento, lockdown, ristori... tutte le analogie fra la peste di ieri e il covid di oggi; come Anna Maria Luisa, l'ultima dei Medici, salvò i tesori artistici di Firenze; dalla preistoria in poi, l'impatto dell'uomo sull'ambiente e sul paesaggio.

ABBONATI A 29,90€

Il cervello trattiene senza sforzo le informazioni importanti per sopravvivere. Qual è, allora, il segreto per ricordare? Inoltre: gli ultimi studi per preservare la biodiversità; la più grande galleria del vento d'Europa dove si testano treni, aerei, navi; a che punto sono i reattori che sfruttano la fusione nucleare.


ABBONATI A 29,90€

Litigare fa ammalare? In quale sport i gatti sarebbero imbattibili? Perché possiamo essere cattivi con gli altri? Sulla Luna ci sono nuvole? Queste e tante altre domande e risposte, curiose e divertenti, sul nuovo numero di Focus D&R, d'ora in poi tutti i mesi in edicola!

ABBONATI A 29,90€
Follow us