Salute

Uno spray nasale contro il gioco d'azzardo

Una sostanza già usata per trattare le dipendenze da oppiacei sarà testata sui giocatori incalliti in uno studio finlandese: il tipo di somministrazione permette di arrivare al cervello in pochi minuti.

Uno spray nasale per curare la dipendenza da gioco... suona un po' semplicistico, ma un gruppo di ricercatori finlandesi ha deciso di sperimentare anche questo approccio contro il disturbo, particolarmente sentito nel Paese.

Lo spray è a base di naloxone, un farmaco già usato per trattare le dipendenze da oppiacei come eroina e morfina. Agisce bloccando la trasmissione di dopamina, un neurotrasmettitore coinvolto nel circuito del piacere, che ha un ruolo chiave nei meccanismi che originano le dipendenze.

Dritto all'obiettivo. Somministrato per via nasale, arriva al cervello in pochi minuti: gli scienziati del Finland's National Institute for Health and Welfare (THL) sperano pertanto che possa contrastare tempestivamente l'impulso a giocare, non appena si manifesta.

I ricercatori stanno ora cercando 130 volontari che prendano parte alla sperimentazione, che dovrebbe iniziare questo mese e durare tre mesi. Metà del gruppo riceverà naloxone, l'altra metà un placebo, in quella che è già considerata la prima sperimentazione al mondo di uno spray contro la dipendenza da gioco d'azzardo.

Una buona base. Precedenti test del naloxone in pillola su pazienti con questo disturbo avevano dato qualche risultato positivo, ma in generale si era rivelato poco efficace perché i primi effetti del farmaco si avvertivano dopo circa un'ora - a giochi fatti, verrebbe da dire.

Nel 2015 la Food and Drug Administration americana ha dato il via libera al naloxone spray per trattare le dipendenze da oppiacei: se funzionerà contro quella da gioco, l'idea dei finlandesi è di testarlo per frenare altri impulsi dannosi se portati all'eccesso, come quello per l'alcol.

11 gennaio 2018 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

L’incredibile vita di Guglielmo Marconi, lo scienziato-imprenditore al quale dobbiamo Gps, Wi-Fi, Internet, telefonia mobile… Per i 150 anni della sua nascita, lo ricordiamo seguendolo nelle sue invenzioni ma anche attraverso i ricordi dei suoi eredi. E ancora: come ci si separava quando non c’era il divorzio; il massacro dei Tutsi da parte degli Hutu nel 1994; Marco De Paolis, il magistrato che per 15 anni ha indagato sui crimini dei nazisti; tutte le volte che le monarchie si sono salvate grazie alla reggenza.

ABBONATI A 29,90€

Nutritivo, dinamico, protettivo: il latte materno è un alimento speciale. E non solo quello umano. Molti mammiferi producono latte, con caratteristiche nutrizionali e di digeribilità diverse. Ma qual è il percorso evolutivo che ha portato alla caratteristica più "mammifera" di tutte? Inoltre, ICub è stato testato per interagire con bambini autistici; quali sono i rimedi tecnologi allo studio per disinnescare il pericolo di alluvioni; all’Irbim di Messina si studia come ripulire il mare dagli idrocarburi; la ricerca delle velocità più estreme per raggiungere lo spazio e per colpire in guerra; il cinguettio degli uccelli e ai suoi molteplici significati.

ABBONATI A 31,90€
Follow us